QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il giudice istruttore ha presentato appello in via definitiva al caso Optima

Il giudice istruttore che ha indagato sul caso Optima è stato definitivamente impugnato. De Ted ha appreso che la Corte di Cassazione aveva respinto il ricorso del Pubblico Ministero. La sentenza potrebbe avere conseguenze disastrose per il file Optima.

Alla fine di febbraio la Corte d’appello di Gand ha emesso una sentenza Una bomba è sotto inchiesta nel caso Optima. Da giugno 2016, il giudice investigativo di Ghent indaga sui flussi finanziari che circondano la caduta di Optima Bank. La sua ricerca era nelle fasi finali all’inizio di quest’anno e si compone di oltre 40.000 pagine. Ma Hans Ridder, avvocato dell’ex CEO di Optima Jeroen Piqueur, ha avviato un ricorso contro il giudice istruttore. Il tribunale di Gand ha dichiarato il suo ricorso ammissibile e fondato e ha stabilito che Sirlebins dovrebbe ritirarsi dal fascicolo.

L’accusa si è rivolta alla Corte di Cassazione per porre il veto alla sentenza. Martedì, tuttavia, il veto ha respinto le azioni dell’accusa. Ne ha informato de Tigd il portavoce del procuratore presso la Corte di cassazione, Henry Vanderlinden. Ciò significa che il ricorso presentato dal giudice istruttore è definitivo.

Il lettore ha sostenuto che Sirlebens non aveva condotto le indagini in modo obiettivo – “con l’accusa e l’accusa”. Lo ha dimostrato in diversi paragrafi che Serlibins ha scritto in un memorandum allegato a un ordine di indagine europeo, indirizzato ai Paesi Bassi. In quelle clip, il giudice investigativo creava spesso un’apparenza di parte non usando la melodia condizionale. In termini come “crimini commessi”, “flussi di denaro evitati” e “risarcimento nascosto”, piuttosto che “indicatori” o “sospetti”.

READ  De Croo tace sulle trattative salariali: "Il governo ha già affrontato fuochi più caldi" | L'interno

Conseguenze serie

Una sentenza di veto può avere conseguenze disastrose per il file e mettere a rischio l’intero file. Sebbene l’ufficio del procuratore delle Fiandre orientali non abbia aspettato la decisione della Corte suprema e avesse già preparato un caso finale nel caso.


Uno dei nomi di spicco tra i 14 sospettati è quello dell’ex ministro socialista Luc van den Bosch.

Oltre all’ex CEO di Optima Jeroen Piqueur, suo figlio e genero e alla bancarotta Optima Bank, ha anche a che fare con gli ex direttori di Optima Jo Viaene, Philip De Hulsters, Frank Vincent, Jan De Paepe, capo del dipartimento legale divisione da molti anni presso Optima, e la compagnia di assicurazioni Lombard in Lussemburgo, con cui Optima si occupa.

Uno dei nomi di spicco tra i quattordici è quello dell’ex ministro socialista Luc van den Bosch (73), che ha lasciato la politica nel 2003 dopo più di vent’anni. Van den Bossche è diventato presidente del fornitore di servizi finanziari Optima nel 2008. Ha ricoperto la carica di CEO di Optima Bank dalla fine del 2011 all’inizio del 2015, dopodiché ha ricoperto la carica di presidente del consiglio di amministrazione di Optima Global Estate fino a quando Giugno 2016.

Savilberg

L’investitore Jos Sluys, un ex prestatore di Optima, vuole deferire l’ufficio del pubblico ministero al tribunale penale, proprio come la sua società di investimenti Saffelberg e la società immobiliare Evillas. Ieri, Sluys ha rifiutato di commentare la richiesta finale.

L’indagine giudiziaria ha riguardato principalmente circa 100 milioni di euro che avrebbero potuto essere ritirati da Optima in Belgio attraverso strutture in Liechtenstein, Svizzera, Lussemburgo e Paesi Bassi. Questi erano i proventi della collaborazione di Optima con Lombard. Ciò è accaduto prima della creazione di Optima Bank nel 2011, che è il risultato della fusione di Optima Financial Planners con le attività bancarie di Ethias ed è fallita nel giugno 2016. Trasferimento di fondi svantaggiato secondo gli investigatori di Optima Bank.

READ  Il settore della cultura registra nuovamente numeri rossi profondi: ulteriori perdite di 41 milioni nel primo trimestre | L'interno