QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo di De Croo boccia i piani energetici europei

A causa della guerra in Ucraina, la Commissione europea vuole sbarazzarsi dei combustibili fossili russi più velocemente. Ma il ministro degli Esteri preoccupato, Thomas Dermin, ritiene che il denaro non venga distribuito equamente.

Meno consumi, altri paesi importatori e più energia verde. Questi sono i tre modi in cui la Commissione europea vuole sbarazzarsi dei combustibili fossili russi. La presidente Ursula von der Leyen e il commissario per il Green Deal Frans Timmermans hanno presentato in dettaglio i piani, chiamati REPowerEU, mercoledì scorso. Gli Stati membri accetteranno i piani.

La Commissione stanzia 300 miliardi di euro a sostegno. Ebbene, si tratta di circa 20 miliardi di euro in nuove risorse e 280 miliardi di euro in spostamenti di budget. E a questo non piace molto il governo federale. “È diventata un’abitudine per la commissione annunciare centinaia di miliardi, quando in realtà non c’è quasi nessun nuovo denaro”, afferma il ministro di Stato Thomas Dermin.

Fondo per il recupero della corona

REPowerEU è collegato al Corona Recovery Fund che è stato concordato nell’estate del 2020. Gli Stati membri dovrebbero aggiornare i loro piani di risanamento esistenti per richiedere i nuovi fondi. Inoltre, lo chiamano a Bruxelles. In esso, gli Stati membri dovrebbero chiarire come vogliono eliminare gradualmente le fonti energetiche russe più velocemente di oggi.

Sarebbe molto meglio guardare alla dipendenza energetica degli Stati membri.

Tommaso Dermin

Segretario di Stato per la riedizione (PS)

I penny provengono fondamentalmente da tre barattoli. Dal Corona Virus Recovery Fund, ci sono ancora 225 miliardi di euro in prestiti economici (ma impopolari) – solo Grecia, Spagna e Romania hanno richiesto tutti i prestiti. Inoltre, la Commissione sta trasferendo oltre 34 miliardi di euro di risorse per la coesione e l’agricoltura e prevede di vendere 20 miliardi di euro di ulteriori stanziamenti europei. Con queste indennità, le aziende devono pagare un prezzo per ogni tonnellata di anidride carbonica o equivalente che emettono.

READ  Il CEO di MicroStrategy non venderà un solo bitcoin » Crypto Insider
Chiave di distribuzione

Come spesso accade, il denaro è un ostacolo. Anche per il Belgio. Innanzitutto, le regioni rischiano di evitare questa coesione e le risorse agricole dovute alla trasformazione. In secondo luogo, i prestiti non sono interessanti perché aumentano il nostro debito, mentre è la stessa Commissione che chiede al Belgio di rivedere l’andamento del suo debito. E terzo, più diritti di emissione significano semplicemente più emissioni e prezzi delle emissioni più bassi, spiega Dermine, che sottolinea di sostenere pienamente l’obiettivo REPowerEU.

Infine, il Belgio non è d’accordo sulla chiave di distribuzione nazionale che la Commissione vuole utilizzare per i 20 miliardi di nuove risorse. È lo stesso del Corona Recovery Fund e prende come punto di partenza le conseguenze economiche della pandemia con riferimento all’anno 2021. Questo non ha nulla a che fare con REPowerEU. Sarebbe molto meglio guardare alla dipendenza energetica degli Stati membri. In questo modo, il Belgio riceverà più di 500 milioni di euro invece dei previsti 270 milioni di euro. Dermin afferma che il metodo di calcolo proposto non è accettabile per noi.

Tasse sulle grandi ricchezze

Dermin ritiene che, come con l’European Recovery Fund, la Commissione debba assumere nuovo debito congiunto in modo che gli Stati membri possano ricevere sussidi aggiuntivi per una rapida inversione di tendenza. ‘Questo non è un problema. Il rapporto debito/PIL medio nell’Unione Europea è molto inferiore a quello di Stati Uniti, Giappone o Regno Unito.

Come dovrebbe essere pagato? Sembra che “con nuove fonti di reddito europee, come una tassa europea sulla grande ricchezza, una tassa sulle grandi aziende tecnologiche o un meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera”.

READ  Bitcoin Exchange (BTC) a Hong Kong è accessibile solo da investitori professionisti »Crypto Insider

I capi di Stato e di governo europei si riuniranno lunedì per un vertice speciale a Bruxelles, dove verrà ulteriormente discussa la proposta REPowerEU. “Il Belgio prevede di concordare sulla base della proposta, ma non sul suo contenuto”, ha affermato un diplomatico del governo. Pertanto, un accordo tra i 27 Stati membri non è ancora a portata di mano.