QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo federale continua a discutere l’estensione delle misure di sostegno al Corona

Il comitato consultivo ha confermato venerdì che le ultime restrizioni economiche scompariranno dal 1° ottobre. Sale da ballo e discoteche possono finalmente riaprire i battenti con il Covid Safe Ticket. Ma che dire delle misure di sostegno economico, come la disoccupazione temporanea oi diritti ponte? Di solito scade il 1 ottobre, anche se il governo federale vuole estenderlo in misura limitata. Problema: All’interno del governo Vivaldi non riescono a trovare un accordo.

Pierre-Yves Dermann (PS), in qualità di ministro del Lavoro responsabile della disoccupazione temporanea, ha presentato una proposta all’inizio di settembre. senza successo. E un altro tentativo di uscire venerdì scorso non ha portato a nulla. CD&V e Open Vld diffidano dei costi di tesoreria aggiuntivi. I partiti di sinistra, guidati dal Partito Socialista, vogliono più calma.

Il vice primo ministro Vincent van Bettieghem ha annunciato che le misure di sovvenzione fiamminghe scadranno alla fine di questo mese e scomparirà anche l’imposta sul valore aggiunto ridotta del 6% nel settore della ristorazione. Per quanto riguarda la disoccupazione temporanea, c’è ora un consenso graduale sul fatto che durerà per un po’. domanda in che forma.

Ora le opzioni sul tavolo sono due: o la disoccupazione temporanea verrà tolta a fine ottobre o resterà fino alla fine di quest’anno, ma solo per settori specifici, come quello dei viaggi e degli eventi. Mantenere a galla il sistema fino alla fine di quest’anno costerà al governo 32 milioni di euro. PS insiste su questo, con i consigli delle parti sociali a portata di mano. Il numero di persone con disoccupazione temporanea è diminuito costantemente per diversi mesi, eppure a luglio c’erano ancora 150.000 persone nel sistema.

READ  Bitcoin ed Ethereum calano di nuovo, Cardano e Solana cadono più forte, questa azione di Altcoin va ancora forte » Crypto Insider

Si avvicina la scadenza

Analogo dibattito sta emergendo per quanto riguarda il diritto al bridging, ovvero il sostegno che i lavoratori autonomi ricevono in caso di chiusura forzata o perdita significativa di reddito. È in arrivo un’estensione, ma quanto è generosa? Da un anno, il governo ha automaticamente raddoppiato questi premi alla chiusura, e ora tutti i premi sono tornati ai livelli normali. La domanda è quando un lavoratore autonomo ha ancora diritto al mantenimento. Con una perdita di fatturato del 40, 50 o 65 percento? C’è ancora dibattito su questo. Costi potenziali fino a 35 milioni di euro.

Mentre sembra possibile un compromesso su queste due scale, si è giunti a un’impasse completa perché PS ha richiesto anche l’estensione di due scale sociali. Dall’inizio della crisi della Corona, le indennità di disoccupazione non diminuiscono più nel tempo e, dall’estate del 2020, le persone con un salario dignitoso hanno ricevuto, tra le altre cose, un premio Corona mensile di 50 euro. Il Partito Socialista è convinto che l’impatto sociale della crisi continuerà ancora per un po’, anche se inizia la ripresa economica. Per CD&V e liberali si trattava di misure di emergenza giustificabili solo quando la crisi era ancora acuta.

Diversi leader di governo stanno premendo per una decisione finale all’inizio di questa settimana, con l’avvicinarsi della scadenza del 1° ottobre. Inoltre, gli incontri saranno duri alla fine della settimana: il primo ministro Alexandre de Croo (Open Vld) sarà a New York da mercoledì a sabato per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

L’intera discussione sulle misure di sostegno si è contrapposta alle trattative di bilancio che erano state gradualmente avviate. De Croo sta già lavorando sotto la linea di galleggiamento con contatti one-to-one con i vicepremier. Più tardi questa settimana, il Comitato di monitoraggio, un gruppo di alti funzionari pubblici, pubblicherà nuovi dati sull’esatta dimensione del divario di bilancio.

Anche lì la stessa faglia socioeconomica divide il governo in due. Liberali e CD&V invitano a ordinare i numeri. Il ministro degli Esteri Eva de Bleecker (Open Vld) ha parlato di uno sforzo di 3 miliardi di dollari. Ma PS ha paura di stringere la cinghia ora e vuole vedere il 2022 principalmente come un anno di transizione.