QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo olandese allontana donne e bambini dell’ISIS dalla Siria: “Operazione complicata, ma qui va provata” all’estero

L’Olanda ha Una donna olandese dello Stato Islamico e i suoi due figli Raccolto dalla Siria. Lo confermano i ministri Fred Graberhaus (Giustizia) e Sigrid Kaag (Affari esteri). Un terzo figlio, una “vittima di sottrazione di minori”, viene portato nei Paesi Bassi.




Ispirato da B. Da Gouda venerdì, quando i curdi nel nord della Siria che erano nelle loro mani hanno dato l’annuncio. Ieri sono apparse le immagini di una delegazione olandese che è venuta a prendere la donna ei bambini. Tra loro c’era l’inviato olandese in Siria, Emile de Bont. L’avvocato di B ha confermato la notizia ieri sera.

“Data la privacy e la sicurezza e data la riservatezza richiesta per questo tipo di operazione, non siamo in grado di fare ulteriori annunci su questi casi specifici”, hanno scritto i ministri. Una volta in Olanda, sarà arrestato e perseguito. Il Child Protection Board si prenderà cura dei bambini.

I ministri parlano di “un’operazione speciale in circostanze molto complesse”. I ministri hanno affermato che si è deciso di restituire la donna “nei Paesi Bassi per il processo al fine di prevenire l’impunità”.

“buone notizie”

Tamara Boruma, l’avvocato di B, ha detto a NOS che non aveva ancora contattato B.. “Ma”, dice, “questo è ovviamente qualcosa su cui ci siamo impegnati molto attivamente da oltre tre anni. Per permetterle di ottenere un procedimento penale e assisterla nei Paesi Bassi. E questo sta accadendo. Infine, mentre abbiamo già perso la speranza, questa è un’ottima notizia. È una grande sorpresa, perché ovviamente l’Olanda avrebbe potuto farlo così presto e ha sempre resistito”.

Questo “avrebbe dovuto essere fatto molto prima”, afferma la direttrice della difesa dei bambini Miriam Black. La sua organizzazione chiede che tutti i figli dei combattenti dell’Isis vengano portati nei Paesi Bassi, “perché hanno diritto alla protezione da parte del governo olandese”.

READ  L'Argentina non esporterà carne di manzo per 30 giorni | all'estero

Black afferma che molti paesi stanno già restituendo questi bambini in conformità con la decisione del Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, ma i Paesi Bassi sono ancora in ritardo. “Ma il Child Protection Board ha pianificato dove vivranno i bambini e quali cure e cure saranno utilizzate per loro”. Il regista afferma che la vita nei campi è “vile” e che la sua cattura non può aspettare. “I bambini non vedono l’ora, le loro vite e il loro sviluppo sono a un punto morto”.

jihadista belga

B. È andato in Siria nel 2013 e ha sposato il jihadista belga Bilal Marchohi di Anversa. Un giudice curdo lo avrebbe poi condannato a morte per impiccagione, ma non è chiaro se ciò sia stato eseguito. finito b. In un campo di prigionia curdo, i Paesi Bassi hanno intentato una causa contro di lei per essersi unita all’organizzazione terroristica ISIS. Per procedere con questo caso, lo Stato ha dovuto fare ogni sforzo per trasferire B nei Paesi Bassi, in modo che potesse assistere al suo processo. In caso contrario, il caso sarà chiuso. Sembra che il governo abbia voluto evitare questo scenario con il rimpatrio.