QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo Vivaldi flirta con la scadenza per l’uscita dal nucleare: le tensioni aumentano

Secondo l’accordo di coalizione, entro la fine di novembre 2021 doveva essere preparato un “rapporto completo” sull’uscita dal nucleare. In esso si deve rispondere a due domande. Le luci non si spegnerebbero senza centrali nucleari? Non pagheremmo tutti di più per l’elettricità?

La scadenza scade martedì 30 novembre e il ministro dell’Energia van der Straiten ha finito i suoi compiti, secondo i dipartimenti governativi. Solo: nessuno ha ancora visto il testo. Innanzitutto, gli specialisti discuteranno il documento. Venerdì, gli alti ministri esamineranno per la prima volta il rapporto dell’amministrazione e la nota di accompagnamento.

La tensione è alta, ma all’interno del governo van der Straiten ha ampiamente vinto la sua battaglia. Il presidente di PS Paul Magnette e il presidente di CD&V Joachim Coens hanno entrambi dichiarato pubblicamente che non ci sarà modo di tornare indietro nei loro confronti. Sabato, il Queens ha affermato che mantenere aperte altre due centrali nucleari dopo il 2025 “non è più fattibile”. il tempo.

Il tempo stringe già: la società operativa Engi chiede da tempo centrali nucleari. Inoltre, è richiesto anche un permesso di proroga. I paesi vicini come la Germania devono ancora dare il loro consenso, il che non è chiaro, soprattutto ora che anche i Verdi sono al potere.

Possibile compromesso

Un partito al governo sta ancora resistendo. Il presidente dell’onorevole Jorge Luis Bochese ha sfruttato il fine settimana per mettere in discussione la sicurezza dell’approvvigionamento in una serie di interviste. Solo: era isolato all’interno di Vivaldi.

Un possibile compromesso sarebbe la modifica della Sezione 3 della legge sull’eliminazione graduale delle armi nucleari. Afferma che nel nostro Paese non possono essere costruite nuove centrali nucleari. Questo potrebbe aprire la porta a centrali elettriche di quarta generazione che producono poco o nessun rifiuto nucleare. Open Vld, tra l’altro, insiste su questo. Per la RM, le pillole anticoncezionali possono andare via.

La più grande opposizione viene dall’esterno del governo van der Straten. Il ministro dell’Energia fiammingo Zuhal Demir (N-VA) ha rifiutato il permesso per una nuova centrale elettrica a gas a Vilford, che doveva aiutare a colmare le lacune nella fornitura di energia elettrica. I Verdi vedono qui come una deliberata manovra politica. N-VA sostiene da tempo di mantenere aperte le due centrali.

Fu una grande perdita per Van der Straeten, che aveva istituito una procedura d’asta approvata a livello europeo. Tuttavia, njet per demir non ha bisogno di capovolgere l’intero file, pensi. Nella procedura d’asta era inclusa una clausola in base alla quale Engie, che doveva costruire la centrale elettrica a Vilford, avrebbe dovuto fornire la stessa capacità di sostituzione se qualcosa fosse andato storto. Questo può essere fatto attraverso le nostre centrali elettriche o stipulando un accordo con un altro produttore di energia elettrica.

È probabile che Engie presenti anche una nuova domanda di autorizzazione, che include una riduzione delle emissioni di ammoniaca. Fu lì che cadde Demir. Quindi è molto probabile che la centrale sarà costruita a Vilford, dopotutto.

Tra i Verdi, rimangono convinti di avere argomenti convincenti per far avanzare l’eliminazione graduale delle armi nucleari. Cosa c’è esattamente nel famoso rapporto, rimane un segreto. I Verdi temono una fuga in questo simbolicamente per loro un dossier molto importante.

Nelle scorse settimane sono già apparsi alcuni elementi. Alla fine di ottobre, al termine delle procedure d’asta, l’operatore di rete Ilya ha indicato che la sicurezza dell’approvvigionamento in linea di principio non sarebbe stata compromessa. Solo allora presumevano che la centrale elettrica sarebbe stata costruita a Vilford. Nello stesso periodo, uno studio dell’Università di Gent ha mostrato che il costo aggiuntivo di spegnimento delle centrali elettriche per una famiglia media ammonterebbe a pochi euro in più ogni anno. Nel frattempo, Van der Straeten ha fissato uno “standard energetico” durante le trattative sul budget di ottobre, che terrà sotto controllo anche i forti aumenti dei prezzi per le aziende.

Adesso tocca anche a Vivaldi dividere politicamente il fascicolo.

READ  Giudice USA: Google viola i brevetti Sonos - Voice and Vision - Notizie