QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il grande punto cieco nel nostro dibattito educativo

Il grande punto cieco nel nostro dibattito educativo

Anton Jäger è uno storico del pensiero politico presso l’Istituto di filosofia di Leuven. La sua rubrica appare ogni due settimane il mercoledì.

Anton Jagger

Non era un bello spettacolo. Ho deciso un mese fa ultime notizie Condurre un sondaggio tra 1.500 insegnanti fiamminghi. Al settore è stato permesso di mettere all’ordine del giorno il suo ministro Ben Witts (N-VA) e la sua ultima politica. Il rapporto “povero” la dice lunga: 4 su 10 hanno dato all’attuale ministro 0/10, il resto si è rivolto alla televisione. Il ministro non prenderà nemmeno il dannato certificato B.

Ci sono gravi carenze di insegnanti, risultati dei test in calo, manomissioni delle iscrizioni alle scuole secondarie, premi di apprendimento vuoti: il ministro, una volta nominato per far uscire l’istruzione fiamminga dalla depressione, non ha avuto una carriera gloriosa. L’ingegno di solito si difendeva attaccando: l’insegnamento era diventato un hobby per i disoccupati, non più una professione, la formazione era stata rovinata da insegnanti giocosi e gli insegnanti non potevano adempiere ai compiti educativi dei genitori. La colpa è stata ancora una volta attribuita indirettamente all’insegnante.

Luits ha inavvertitamente sottolineato un punto: che la discussione sull’istruzione nelle Fiandre si sta svolgendo in modo notevolmente ristretto, soprattutto ora che il settore è stato bombardato da aspettative sempre più estreme da parte della comunità circostante. Il primo ministro britannico Blair diceva “istruzione, istruzione, istruzione” alla fine degli anni ’90, quando il suo governo concentrava tutto sull’istruzione. Per Blair una carriera scolastica di successo divenne una panacea per ogni male sociale.

READ  Il promotore della costruzione progetta 800 nuove case su Tour & Taxis

Un’attenzione così unilaterale all’istruzione a scapito di altre aree politiche non è così vecchia. Negli anni ‘20 il politico di sinistra di Weimar Werner Scholem parlò della cosiddetta L’illusione della formazione. L’idea era che le classi inferiori potessero tirarsi fuori dai guai studiando intensamente.

Comodo capro espiatorio

Scholem pensava che fosse una debolezza. Invece di lottare collettivamente per i propri diritti, i lavoratori saranno costretti a sollevarsi individualmente dalla loro classe. Di conseguenza pochi individui sfuggiranno al proprio destino sociale. La questione sociale più ampia è rimasta irrisolta.

Anche il dibattito sull’educazione fiamminga soffre di questa illusione. Facendo in modo che il dibattito educativo riguardi esclusivamente l’insegnamento, il settore diventa un comodo capro espiatorio per problemi sui quali l’insegnante da solo ha poco controllo. Che si tratti di disuguaglianza, lettura, morale, competenze linguistiche o lavoro: la classe è sempre disconnessa dal mondo più ampio di cui fa parte.

Ciò ha un notevole effetto di distrazione. Ad esempio: rendendo l’istruzione il motore esclusivo della mobilità sociale, le difficili questioni relative alla ridistribuzione e alla povertà vengono raramente discusse. La questione sociale si limita alla questione educativa. Inoltre, i datori di lavoro stanno spostando sempre più i costi della formazione sullo Stato, mentre la riqualificazione sul posto di lavoro sta diventando rara.

Intrappolato

Una società in cui le vendite di libri sono in calo rende l’insegnante esclusivamente responsabile della capacità di lettura. Un canale governativo che trasmette regolarmente le lingue comuni non può aspettarsi che i suoi studenti parlino olandese senza accento.

Pertanto, l’insegnante viene attaccato da entrambe le parti. Da un lato, da una società che valorizza meno il suo lavoro ma ha grandi aspettative nei confronti della professione. D’altra parte, un Paese che non vuole spendere molto ma vuole comunque raggiungere un buon posizionamento internazionale.

Lo stesso Waits ha fatto ben poco per invertire la tendenza. Nel 2021 è stato annunciato che nel settore dell’istruzione verranno risparmiati 121 milioni di euro. L’attrattiva degli stipendi degli insegnanti non è aumentata rispetto agli importi del settore privato.

Importi sorprendenti

Allo stesso tempo, sempre più studenti accorrevano nelle scuole fiamminghe. Il risultato è riassunto in un termine chiamato nella sociologia del lavoro “accelerazione”: invece di espandere la base di dipendenti, si chiede al team esistente di soddisfare la nuova domanda. Ciò significa lavorare più a lungo e più duramente, per la stessa retribuzione.

Gli insegnanti dell’istruzione di lingua olandese a Bruxelles hanno un budget annuale di 50 euro per l’acquisto delle aule, mentre le lunghe vacanze estive vengono rapidamente perse nella preparazione delle aule. Si tratta di somme da capogiro in un paese ufficialmente considerato una delle regioni più ricche del mondo.