QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il gruppo BRICS supera il G7 in termini di PIL

Il gruppo BRICS supera il G7 in termini di PIL

Per la prima volta nella storia, i paesi BRICS hanno realizzato un PIL superiore a quello delle economie avanzate del Gruppo dei Sette.

Perché questo è importante?

Brasile, Russia, India e Cina erano i paesi BRIC originari. Si tratta di paesi con economie in rapida crescita che si pensava sarebbero stati attori importanti sulla scena economica del futuro. Quel futuro è adesso, si scopre, perché il PIL delle economie emergenti supera quello delle grandi economie tradizionali.

Nelle news: I paesi BRIC (allargati) generano più PIL del G7 (allargato).

Anche il Sudafrica è diventato membro nel 2010 ed è quindi responsabile della “S” nell’acronimo. Anche Bangladesh, Egitto, Uruguay ed Emirati Arabi Uniti hanno aderito alla New Development Bank dei BRICS.

Inoltre, il Gruppo dei Sette non è più un gruppo di sette economie influenti. Oltre a Germania, Francia, Italia, Giappone, Canada, Stati Uniti e Regno Unito, fa parte del G7 anche l’Unione Europea, ma non è un membro riconosciuto perché non è uno Stato sovrano.

  • I paesi BRICS ora rappresentano il 31,5% del PIL mondiale. In prospettiva, questi paesi ospitano circa il 40,5% della popolazione mondiale.
    • L’avvertenza importante qui è che la Cina da sola rappresenta oltre il 18,5% del PIL globale, mentre le stime per il 2023 la collocano al 19%.
  • Il contributo del G7 al PIL mondiale è del 30%. La popolazione di questi paesi è circa il 10% della popolazione mondiale. Questo senza i paesi dell’UE che non hanno un posto fisso all’interno del G7.
READ  Il 9 settembre è la Giornata Mondiale del Veicolo Elettrico in Spagna

Eterogeneo

  • BRIC è stato istituito per la prima volta nel 2001 da Goldman Sachs come gruppo nazionale. Dal 2009 si esibiscono anche come gruppo ufficiale. Il suo scopo è quello di promuovere la pace, la sicurezza, lo sviluppo e la cooperazione.
  • Spesso è difficile per i paesi in via di sviluppo con un basso rating creditizio prendere in prestito a un costo accessibile. È qui che i paesi BRICS possono intervenire con la New Development Bank per aiutare.
  • Per stimolare il commercio multilaterale è stata proposta una valuta che escluda anche il dollaro. Anche la Cina e il Brasile hanno recentemente deciso di commerciare tra loro in Real brasiliano e Yuan cinese.
  • È interessante notare che questo gruppo è composto da diversi paesi geograficamente, economicamente e culturalmente. Ma contrariamente a molte previsioni, il gruppo BRICS nel suo insieme è fermo.
  • Cambiano così i pesi nel mercato del commercio internazionale. Con la crescente influenza dei paesi BRICS. Dimostrare che la collaborazione, nonostante le differenze, paga.

(dv)