QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il KAA Gent lascia l’Europa delusa: Buffalo perde ancora contro il PAOK | Lega Europea delle Conferenze 2021/2022

Niente più squadre belghe in Europa. Con il KAA Gent, anche il nostro ultimo rappresentante è morto negli 1/8 di finale della Conference League. Contro il PAOK, Buffalo ha fatto una falsa partenza prendendo 0-1 dopo venti minuti. Il pareggio di Laurent Depoite prima dell’intervallo ha dato speranza alla Ghelamco Arena, ma nella ripresa il Gent non è riuscito a ripartire. Dopo un secondo sciopero greco, i libri sono stati autorizzati ad andare fino in fondo.

AA Gent – BAOK Salonicco in breve:

  • Momento chiave: Subito dopo l’intervallo, il Gent ha un’ottima occasione per passare in vantaggio. Castro Montes dirige la palla a Samoys, che si stacca completamente sul secondo palo. Ha 2-1 ai suoi piedi, ma colpisce la palla sbagliata. Una svolta nel gioco.
  • uomo partita: Douglas Augusto Gent ha tolto il fiato con il suo superbo gol e ha portato il PAOK sulla strada per i quarti di finale della Conference League. Il brasiliano ha superato la palla con una sorprendente punizione di Vierina e ha tirato magnificamente la palla alle spalle di Rove in rete.
  • notevole: Un calcio di punizione distorto di Kurtic all’andata ha regalato al PAOK una vittoria casalinga per 1-0 e alla Gillamco Arena ha segnato due gol su calcio d’angolo e punizione. Dovrebbe essere ovvio, Gand ha perso questo confronto reciproco sulle fasi fisse.

Crespo richiede un ruolo da protagonista con determinazione e mani

Mostra coraggio, osa. Questo è stato il messaggio che Hein Vanhaezebrouck ha dato ai suoi uomini e chiaramente lo hanno capito bene. Dopo appena 5 minuti, Tissoudali ha sciolto tutti i suoi demoni e il suo tiro è mancato di poco. Il tono è impostato, l’immagine del gioco è fissa. Il PAOK doveva limitarsi alla difesa, mentre il Gent accumulava piene possibilità e mezzo.

La calma è stata colossale quando gli ospiti si sono fatti avanti dopo 20 minuti di assenza. Al Gent non riescono a respingere il pallone su calcio d’angolo e Crespo riesce a segnare da distanza ravvicinata con un po’ di fortuna.

Momento pericoloso e premio istantaneo per i greci, che hanno dovuto recuperare da quel momento a Gand. La frustrazione è stata ancora maggiore quando alla mezz’ora non è stato assegnato un rigore dopo la mano libera di Crespo.

Delicatamente hai quello che meriti, dopotutto. Il deputato riesce finalmente a liberarsi da Lyratzis con un passaggio di Samoise e il pareggio va ben oltre la portata di Pashalakis.

Due fasi fisse, due obiettivi

Subito dopo l’intervallo, il Gent ha quasi completamente messo le cose in ordine. Samoise ha dato molto spazio sul secondo palo e un’occasione unica per segnare 2-1, ma ha sbagliato palla. Poco dopo, lo stesso Gand fuggì quando Akpom decise di hackerare di fronte a lui.

Il Gand ha continuato a fare pressione sul BAOK, ma i greci non hanno vacillato. Pascalakis tiene duro sul colpo di testa di Okumo e sul tiro di Odiga. Anche le gesta vistose di Tissoudali non si sono concretizzate dopo l’intervallo.

Nella fase finale, l’intero sipario è calato su Gent. Dopo un calcio d’angolo nel primo tempo, il PAOK ora ha segnato un calcio di punizione davanti alla porta. Invece di crossare, Verena restituisce la palla a Douglas, che tira dolcemente la palla alle spalle di Rove in porta: 1-2. Nonostante il loro continuo dominio, il Gent ha comunque saltato i quarti di finale della Conference League.

Vanheisbrück: “Fenomeno ricorrente, incompetenza”

Hein Vanhaezebrouck non ha potuto nascondere la delusione dopo essere uscito contro il PAOK. “Dovremmo essere orgogliosi del nostro percorso in Europa. Abbiamo giocato una grande partita, ma purtroppo è un fenomeno ricorrente a Gent. L’anno scorso e ancora di più quest’anno: una mancanza di competenza”, ha detto l’allenatore del Gent.

“Dobbiamo solo segnare molto. Devi mettere dietro questa squadra e poi tutto questo cinema non succederà nel secondo tempo. Abbiamo giocato a calcio per 15 minuti nel secondo tempo vincendo sempre. Questo è un nostro errore personale che abbiamo bisogna sempre creare tante opportunità per segnare, lo sappiamo”.

“Mi da fastidio che abbiamo subito tre gol, tutti e tre da fermo. Ci siamo semplicemente arresi, erano tre gol evitabili. Abbiamo dovuto mantenere lo zero solo due volte contro questa squadra e poi ci siamo qualificati”.

“Ma se guardiamo l’intero quadro, abbiamo fatto delle grandi prestazioni in Europa. È un peccato per i ragazzi che non siano arrivati ​​ai quarti di finale”.

A Gent si sono sentiti svantaggiati quando non hanno ricevuto un rigore dopo mezz’ora per una mano di Crespo. “L’arbitro tedesco mi ha detto che non è stato un esercizio pratico deliberato. In Belgio fischiano per questo. Vorrei sapere dalla UEFA di cosa si tratta ora. In Germania sembra che debba essere volutamente portato a mano, in Belgio non lo è. Stiamo giocando apparentemente in competizione con altre basi”.

Il Gent deve spostare subito l’attenzione, perché la vetta del campionato contro l’Anderlecht aspetta già domenica. “Ora dobbiamo cambiare turno. I ragazzi hanno dato tanto e hanno visto anche che dovevano sempre battere questo avversario. È una delusione enorme, domenica cercheremo di correggerla”.

Ogedja: “Il coraggio è affondato nelle nostre scarpe con il secondo gol”

Anche Vadis Ogedja ha messo il dito sulla ferita. “Hanno segnato in tre fasi fisse, altrimenti avrebbero mostrato un po’ di attacco durante le due partite. Potevamo fare due o tre gol nel primo tempo, ma non ci siamo riusciti. Alla fine sono stati più efficienti di noi, a questo livello critico”.

“Abbiamo mostrato cose molto buone nelle ultime settimane, non possiamo mettere tutto insieme e ora iniziamo ad essere negativi. Abbiamo visto anche molte cose positive oggi. Se avessimo segnato prima o segnato due gol nel primo tempo, avremmo potuto ha giocato una partita completamente diversa”.

“Abbiamo continuato nel secondo tempo, ma il secondo gol è stato molto difficile. Il nostro coraggio è scemato in quel momento, perché sapevamo che per noi era finita”.

Odjidja è ora concentrato sull’importante partita della competizione contro l’Anderlecht. “Domenica, tutti i nostri fan saranno ancora una volta enormi e cercheranno di urlarci la vittoria. Faremo in modo di essere pronti”.

  1. Il secondo tempo, al 97′, il gioco è finito
  2. Il secondo tempo, il minuto 97. La fine. Una grande delusione, l’avventura europea si conclude con una chiave minore per AA Gent. Dopo l’andata in Grecia, ora perde in casa contro il PAOK. Gli ospiti erano praticamente in calo, ma sono stati molto efficaci in 2 calci piazzati e fino ai quarti di finale di Conference League. †
  3. Pascalaki è ancora impegnato. In modo che Gent stia arrivando pericolosamente. Paschalakis deve prima accelerare per cancellare il tiro di Bezos fuori bersaglio e poco dopo cade a terra su una scivolata bassa di Hjulsager. † Secondo tempo, 94° minuto.
  4. Secondo tempo, minuto 92. Hjulsager decide su Paschalakis.

    Hjulsager decide su Paschalakis

  5. Secondo tempo, 88° minuto.
  6. Secondo tempo, minuto 88. L’attenzione del Gent si sta progressivamente spostando verso il big match di domenica contro l’Anderlecht. L’avventura europea è finita, questo è chiaro. I laboratori belgi hanno ricevuto un altro colpo. †
  7. cartellino giallo per Antonio Colak (PAK Salonicco) durante il secondo tempo, 88° minuto
  8. Secondo tempo, minuto 87. Sostituzione al PAOK Salonicco, Antonio Kulak dentro, Chuba Akbom fuori
  9. Secondo tempo, minuto 86. Sostituzione al PAOK Salonicco, Alexandru Mitrita dentro, Stefan Schwab fuori
  10. Secondo tempo, minuto 86. Sostituzione in KAA Gent, Núrio dentro, Matisse Samoise fuori
  11. Secondo tempo, minuto 86. Sostituzione in KAA Gent, Andreas Hanche-Olsen dentro, Alessio Castro-Montes fuori
  12. Secondo tempo, minuto 84. Faith sembra essere andata in AA Gent. Peter Vandenbett.
  13. Il secondo tempo, minuto 83. Infortunio alle Samoa. Mentre Odjidja e Tissoudali vengono portati a lato, è necessario sostituire anche Samoise. È infortunato e non sembra in grado di continuare il suo gioco. †
  14. Secondo tempo, minuto 83. Sostituzione in KAA Gent, dentro Roman Bezoes, fuori Tarik Tissoudali.
  15. Secondo tempo, minuto 83. Sostituzione in KAA Gent, dentro Andrew Hjulsager e Vadis Odjidja Ofoe.
  16. Secondo tempo, minuto 82. Compito difficile per il Gent. Almeno 10 minuti supplementari e Gent deve segnare altre due volte per forzare i tempi supplementari. Non impossibile, ma molto duro contro una solida difesa del PAOK. La fede esiste ancora? †
  17. Secondo tempo, 79° minuto.
  18. Secondo tempo, 78° minuto.
  19. Secondo tempo, minuto 78. Il PAOK avanza ancora.

    BAOK torna in vantaggio

READ  L'inizio del torneo olimpico di calcio all'improvviso: la Francia...