QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il kartalent italiano Luc Thal mostra ancora una volta le capacità di guida alla Super Finale della Rogue Cup a Lonato

Come Lonado Carter La lingua di Luca Lonado ha dimostrato un punto lo scorso fine settimana, è il numero uno al mondo nella classe mini. Durante la Rok Cup Super Final, l’undicenne di Oud-Beijerland ha preceduto più volte i piloti della Mini Rok con il suo kart Energy Corse.

La lingua di Luca

Luke è arrivato quarto, quarto, undicesimo e terzo rispettivamente in quattro manche. E poi quell’undicesimo posto ha dato un quadro distorto, perché era il risultato di una penalità di dieci secondi. Luke l’ha preso a causa di una partenza anticipata. Ma in realtà ha tagliato il traguardo al secondo posto in gara.

Tuttavia, Luke ripensa al weekend con soddisfazione. Non è facile, ha detto. C’erano parecchi ragazzi che gareggiavano nella WSK e avevano già partecipato alla Rogue Cup Super Final dell’anno scorso. Il livello era molto alto.

E in quel dipartimento Luuk finì per aprire la strada molte volte. Si può quindi dire che il talentuoso sud-olandese è stato il più veloce del circuito italiano. E vuole guidare un motore Vortex, un marchio che normalmente non guida, e un pneumatico Levando, un marchio di pneumatici che normalmente non guida.

Il finale di sabato è andato un po’ più in basso. Sono partito decimo, e dopo l’inizio avevo quindici o sedici anni, e poi sono tornato al nono, ha detto.

Dopo tanti test nelle sessioni di prove libere di giovedì e venerdì, il pilota ufficiale del marchio di kart Energy Corse ha subito mostrato il suo passo. È arrivato secondo nel suo girone nel turno di qualificazione. Non era davvero sorpreso. Durante l’allenamento mi sono ritrovato ad essere uno dei più veloci.

La lingua di Luca

Ma quando ha iniziato ad allenarsi giovedì, non ne aveva ancora idea. Luke: Non puoi prevederlo in anticipo. Mentre il sintonizzatore del motore guidava un motore TM da MA, ora guido un diverso tipo di motore. Ora ho guidato una spirale da MA. Non so quanto sia buona la moto, non so che gomme prendere, perché un set è meglio dell’altro.

READ  L'Italia e la Danimarca hanno allentato le regole per i turisti europei

Ma ha funzionato bene per Luke. Questo ha rafforzato la sua fiducia considerando che la prossima gara, la WSK Final Cup di Sarno, è tra una settimana. Se lo aspettava. Sarno è il mio lavoro preferito. È molto veloce e ha curve ad alta velocità.

All’inizio di quest’anno, Luke ha corso la più prestigiosa competizione per kartisti della sua età durante la WSK. È molto difficile perché il livello è molto alto, ma quest’anno sono già arrivato sesto a Charno. Quindi è andata bene.

Quindi, nella sua prossima gara, spera di finire di nuovo in testa. Segretamente penso di avere una possibilità di salire sul podio. Luuk ha una buona ragione per questo: l’ultima volta a Sarno sono partito in finale con il 15° posto e sono arrivato al 4° posto. A un certo punto sono passato a B3 e ho premuto a lato. Questo mi ha messo sull’erba e sono arrivato sesto.

Luke ha ringraziato tutti i suoi sponsor, il team ufficiale di Energy Corse, la sua scuola per averlo fatto correre in Italia ei suoi genitori.

La lingua di Luca Supportato nelle attività di gara da Gulf Oil, Gulf Nederland, Kia De Beer, Steengoed Developt, Interfilling, Calex Holland, Havecon, Enjoy Apartments, Schaften Trucks, IFQS, IMT, Das Kaiserblick, Voorwinden Groep, Zegwaard e Healthy.