QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il leader dei Proud Boys ammette i piani per prendere d’assalto il Campidoglio e vuole testimoniare contro gli altri | all’estero

Charles Donohue, uno dei leader del gruppo intransigente americano, i Proud Boys, ha ammesso di essere stato coinvolto in un piano per prendere d’assalto il Campidoglio a Washington il 6 gennaio 2021. Lo hanno riferito i media americani.

Donohue ha anche ammesso di voler incitare il Collegio elettorale degli Stati Uniti a invalidare la vittoria di Joe Biden su Donald Trump alle elezioni presidenziali. L’americano si è anche detto disposto a testimoniare contro i ragazzi orgogliosi.

Donohue, della Carolina del Nord, si è dichiarato colpevole di due reati con una pena minima di sei anni di carcere, inclusa l’aggressione fisica agli agenti di polizia. Ha accettato di collaborare con i suoi compagni imputati nella speranza di ricevere una condanna più leggera.

Gli atti del tribunale pubblicati venerdì mostrano che ha già fornito informazioni sui piani del gruppo e sull’intenzione di interrompere la conferma dei risultati elettorali al Congresso.

Donohoe è il primo dei sei leader incarcerati dei “Proud Boys”, incluso l’ex presidente Enrique Tarrio, ad ammettere di aver organizzato l’attacco al Campidoglio e di aver attaccato le forze dell’ordine.

Guarda anche:

Chi sono gli aggressori della capitale?

Le foto mostrano un’atmosfera molto tesa in Campidoglio

READ  Un hotel in Cornovaglia dove soggiornerà il personale senior del G7 deve essere chiuso dopo lo scoppio del Corona fuori dal paese