QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il manager di Britney Spears si dimette dopo 25 anni: “Vernum…

Britney Spears
Foto: Reuters

Larry Rudolph, che è stato il manager della pop star americana Britney Spears per quasi un quarto di secolo, si è dimesso. Diversi media statunitensi lo hanno riferito martedì.

“Sono passati più di 2,5 anni dall’ultima volta che Britney e io abbiamo parlato, e lei mi ha detto che sarebbe stata fuori a tempo indeterminato”, ha scritto Larry Rudolph a suo padre e ai genitori della Spears, James Spears e Judy Montgomery. La lettera è stata pubblicata dalla rivista Deadline e il suo contenuto è stato confermato da diversi altri media statunitensi.

Rudolph dice di aver anche saputo che la Spears stava pianificando di porre fine alla sua carriera in modo permanente. “Come suo manager, credo che sia nel migliore interesse di Britney che si dimetta dal suo team poiché i miei servizi professionali non sono più necessari”, ha scritto.

Rudolph ha lavorato con la pop star dalla metà degli anni ’90, ottenendo successi internazionali con canzoni come “…Baby One More Time” (1998), “Oops!…I Did It Again” (2000) e “Toxic “”. (2004).

Asilo controverso

L’annuncio delle dimissioni arriva nel mezzo di una battaglia legale per la custodia delle finanze e della vita personale del cantante 39enne. La Spears è stata posta in amministrazione controllata nel 2008 a causa di problemi personali e professionali, ma per anni ha cercato di riprendere in mano la sua vita. La pop star dice di sentirsi una “schiava” di suo padre e che sente che il sistema è “violento”.

Leggi anche. Il testamento emotivo che Britney Spears ha guadagnato una corsa di stelle: “Non riesco nemmeno a decidere sul mio IUD” (+)

READ  Media britannici dopo l'umiliazione all'Eurovision Song Contest: "Se il Corona virus presentasse una canzone, guadagnerebbe più punti" | Eurovision Song Contest 2021