QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il messaggio nascosto nella tua email

Tu non li vedi, ma loro vedono te: i pixel nascosti nelle tue email. Sono immagini minuscole, esattamente di un pixel, che rivelano se stai aprendo e-mail da negozi online, agenzie di viaggio, siti di notizie o palestra. Ecco perché loro monitoraggio dei pixel pixel Oppure, un po’ più eccitante, i pixel spia.

Questo singolo pixel, trasparente o mascherato dal colore di sfondo della tua posta, fornisce dati preziosi ai reparti di marketing aziendale. Ad esempio, il mittente può variare con offerte diverse, testare argomenti popolari e vedere quando si apre il messaggio più spesso.

Apple, che ama presentarsi come la polizia della privacy di Internet, sta prendendo di mira i pixel di tracciamento. La società dietro l’iPhone ha recentemente annunciato un piano di “Protezione della privacy della posta”. Nella prossima versione di iOS, a ciascun utente dell’app di posta integrata verrà chiesto se desidera nascondere o rivelare la propria attività di posta personale.

Se scegli l’opzione “Nascondi”, Apple scaricherà in anticipo le tue e-mail, comprese tutte le tue foto. Con Apple come via di mezzo, i pixel non sono più un indicatore affidabile del fatto che tu stia leggendo le tue e-mail. Ciò rende il pixel invisibile inutile per gli e-mail marketer.

Alcune delle e-mail leggono “decine di un percento” su un dispositivo Apple, secondo le stime di Arthur Ten Have. È un product manager di Spotler Group, un grande fornitore di servizi di posta elettronica nei Paesi Bassi che invia 9 miliardi di e-mail all’anno. Ciò include migliaia, a volte milioni di email contemporaneamente, piene di esperimenti per la migliore “conversione” – il miglior risultato.

READ  I Joy-Contro di Switch sono stati "costantemente" migliorati dal suo lancio, secondo Nintendo

Vantaggio delle campagne e-mail: il mittente ha una linea diretta con tutti i clienti – nessun Facebook, Instagram o Twitter interferisce con la distribuzione. La posta elettronica è un vecchio metodo (da nceلك 1971) Ma secondo dieci sono ancora vivi. Durante la crisi di Corona, leggiamo più e-mail di prima, dice al telefono. La sua teoria: le persone hanno più motivi per tuffarsi nella loro casella di posta, a causa di tutti gli eventi modificati e annullati. I lavoratori a domicilio si sentono meno gravati dal farlo durante l’orario di lavoro; I colleghi non sbirciano oltre la tua spalla.

a partire dal Rapporto di apertura (Percentuale di destinatari che hanno effettivamente letto il messaggio) secondo il settore pubblicitario Poco meno di 40 percento. Una volta che Apple apre le e-mail, questi numeri diventano inaffidabili, ma inutili, afferma Arthur ten Have, “finché Gmail o Hotmail non fanno lo stesso”.

I pixel di tracciamento del bullismo si adattano allo schema. Apple continua a chiudere il rubinetto dei dati iOS con ogni versione. I muri intorno al client Apple sono costruiti in alto, specialmente nell’App Store. Gli sviluppatori di app non sono autorizzati a monitorare gli utenti iOS senza previo consenso. Questo Trasparenza del monitoraggioSentenza con uno schiaffo in faccia a Facebook e ad altre reti pubblicitarie.

Apple può far rispettare tali termini perché ha l’unico negozio di download che utilizza un miliardo e mezzo di dispositivi iOS. Finché si continua, perché l’Europa accusa Apple di abuso di potere. L’UE vuole costringere l’azienda a consentire metodi di download alternativi e rimuovere le barriere ai servizi concorrenti.

Il CEO di Apple Tim Cook sta assumendo il suo ruolo di agente di polizia. Ha creato un nuovo spauracchio: “sideloading” – download al di fuori del negozio ufficiale rigorosamente regolamentato. La concorrenza di Android, che consente il sideload, è più colpita dal malware rispetto agli iPhone, afferma Cook. Il suo messaggio: Apple non abusa del suo potere di mercato, ma ti protegge da grandi rischi e piccoli pixel. Un agente di polizia ama stabilire le regole da solo, in nome della privacy.

Mark Heigenk Scrive di tecnologia ogni mercoledì in questo posto. Twitter: @MarcHijinkNRC