QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il miglior ristorante italiano al mondo (fuori dall’Italia) situato a Knokke-Heist: “Great Recognition”

“Il miglior ristorante italiano al mondo fuori dall’Italia? Forse lo avevi sognato, ma ora è reale. Incredibile.” Gian Carlo Piretti, 60 anni, è estasiato quando ha capito che il suo ristorante aveva vinto il prestigioso titolo. Insieme allo chef stellato italiano Alessandro Preda – un amico della casa – Piretti ha reso “Jelius” una calamita per Nakke-Heist e non solo. In lontananza, si scopre. “È uno dei ristoranti più eleganti del Nord Europa”, lodano gli esperti.

Iscriviti una volta e leggi subito.

Accesso gratuito a tutti gli articoli aggiuntivi per 30 giorni e accesso sempre gratuito agli articoli.

Il miglior ristorante italiano al mondo fuori dall’Italia: questo onore va a Gelius. Il ristorante di Maurice Lippensplein a Knokke-Heist ha aperto i battenti nel 2017 ed è stato selezionato da Gault & Millau Wall come miglior italiano del Paese entro la fine del 2020. Bene, ma diverso è il riconoscimento della preziosa guida culinaria Campero Rosso. La guida esiste dal 1986 ed è molto importante in Italia dal punto di vista culinario. Ogni anno visitano 800 tra i migliori ristoranti italiani nel mondo. L’obiettivo. il gol? Premiare i migliori italiani fuori dall’Italia. Uno di loro è Jellius. “Naturalmente non ce lo aspettavamo”, ha detto Gian Carlo Piretti, 60 anni. “Il direttore di Campero Rosso è venuto a Knokke-Heist tempo fa e ci ha detto che come nuovo arrivato alla guida avremmo subito tre forchette, altre contraddizioni. Ma non è tutto. Eravamo in equilibrio con un ristorante a New York per il titolo di Best Italian Restaurant. Credo alle mie orecchie. Jelius è già in buona compagnia. Ad esempio, Carmine Amarante dell’Armani Restaurant di Tokyo è stato nominato ‘Best Chef of the Year’. ‘Opening Ceremony of the Year’ per Estro a Hong Kong “Mi interessa il cibo e la gastronomia”, dice l’uomo. Wiley ha ottenuto una stella con un negozio. La cucina è nel mio sangue. Si può dire che sono cresciuto nei ristoranti. “Si nota l’amore per il cibo in tutto. Ma una carriera da chef? No, non è successo. Il padre italiano e il figlio di madre di Bruxelles sono cresciuti a Ostenda, appassionato di arte. La sua passione è diventata la sua professione dal 1996. , che gestisce la sua galleria d’arte a Spartrendiff, Jute, a Nakke-Heist. Aprire il mio ristorante è sempre stato nella mia mente. “Quel sogno ha preso forma durante il suo viaggio in Italia. Gian Carlo era un cliente abituale e amico della casa dello chef stellato Alessandro Predo a Oderza. Nome del caso? Jelius, che ha vinto il premio con una stella Michelin.” Durante una delle conversazioni, è nata l’idea di aprire la filiale del suo ristorante a Nakke-Heist. A Nakke-Heist apre i battenti vicino alla stazione e garantisce la qualità. “Tutti i prodotti sono nuovi di zecca. La valutazione non è sfuggita all’attenzione degli esperti culinari. Devi proprio venire ad assaggiarlo, e poi te ne occuperai tu stesso”, dice Gian Carlo sorridendo. Il riconoscimento è un premio non solo per me, ma per tutta la nostra squadra. ” Dietro c’è David Asta Freda i fornelli a Nakke-Heist e Prada visita il comune balneare quattro volte l’anno per finalizzare la mappa, ma cosa rende Giulius così speciale?Come risultato della loro collaborazione artistica, il ristorante si concentra sugli ingredienti di alta qualità spediti settimanalmente dall’Italia. E crea un’atmosfera sofisticata. Lo spazio lussuoso con l’accattivante Vespa bianca ricorda una galleria d’arte. Il suo contorno marrone scuro con luci soffuse lo rende uno dei ristoranti più eleganti del nord Europa. ” est pas un spaghetti à la tomate ‘Like. Leggi: Spaghetti cucinati con salsa di pomodoro biologico serviti con pesto e conditi con parrotta. Musica per le orecchie di Piretti chiamato MichelinsterWords. “L’idea era quella di unire un buon ristorante e una galleria. Il migliore in entrambi i mondi, devo dire. Mi dà un orgoglio in più che gli esperti di cucina se ne accorgano. Michelle è la prossima stella del passo? Ne abbiamo già uno nel nostro ufficio in Italia, ed è sicuramente un sogno che si avvera in Nakke-Heist”, conclude Gian Carlo ambiziosamente. (MM)

READ  'Donna afgana dagli occhi verdi' deportata in Italia