QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministero dell’Interno iraniano afferma che la polizia non è colpevole della morte di Amini |  All’estero

Il ministero dell’Interno iraniano afferma che la polizia non è colpevole della morte di Amini | All’estero

“Gli esami medici e le cartelle cliniche del medico legale mostrano che non c’erano percosse o fratture del cranio”, ha detto Wahidi. Secondo il ministro, le proteste di massa si basano su una distorsione dei fatti.

Amini è stato arrestato dalla squadra iraniana Adab poco più di una settimana fa per presunta violazione del rigido codice di abbigliamento islamico. Non è chiaro cosa sia successo esattamente ad Amini dopo il suo arresto. Ad ogni modo, è finita in coma ed è morta in ospedale il 16 settembre.

proteste di massa

La polizia dice che Amini è caduto in coma per arresto cardiaco e poi è morto. Ma secondo i critici, la donna è stata picchiata dalla polizia, e poi è morta dopo aver subito un’emorragia cerebrale. La polizia lo ha negato con veemenza.

Nei giorni scorsi gli iraniani – in maggioranza donne – sono scesi in massa in piazza per protestare contro la morte di Amini. Le autorità iraniane hanno arrestato 739 manifestanti, tra cui 60 donne, nella provincia settentrionale di Gilan. Il capo della polizia distrettuale ha informato l’agenzia di stampa Tasnim.

Leggi anche:

Il presidente iraniano annulla l’intervista dopo che il giornalista statunitense si rifiuta di indossare il velo

Il gruppo di hacker Anonymous dichiara guerra all’Iran tramite Internet

Il presidente iraniano accusa l’Occidente di ipocrisia sui diritti delle donne dopo aver criticato la morte di Mehsa Amini (22)

Guarda anche:

READ  CDU Laschet ha scelto per la posizione di advisor