QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministro britannico avverte l’UE di “errore storico” nella lotta dell’Irlanda del Nord | All’estero

Il ministro per la Brexit, David Frost, ha avvertito l’Unione europea di un “difetto storico” nel conflitto sull’Irlanda del Nord. “Abbiamo una breve ma reale opportunità per raggiungere un nuovo accordo che ponga fine alla bruciante crisi politica nell’Irlanda del Nord e tra di noi”, ha detto Frost durante un discorso a Lisbona martedì.




Un giorno prima della presentazione delle nuove proposte europee, Frost ha nuovamente insistito sul fatto che il protocollo dell’Irlanda del Nord dovesse essere sostanzialmente ridisegnato. Il governo britannico chiede che il commercio di merci tra la provincia e il resto del Regno Unito sia più fluido e non vuole più che la Corte di giustizia europea controlli l’applicazione delle regole nell’Irlanda del Nord. Invece, richiede un sistema di arbitrato internazionale.

Il protocollo afferma che l’Irlanda del Nord continuerà a seguire ampiamente le regole del mercato unico europeo. L’accordo mira a evitare una reimposizione dei controlli alle frontiere con l’Irlanda, membro dell’UE, e ad alimentare le tensioni tra unionisti e nazionalisti irlandesi nella provincia. Lo schema implicava l’attuazione di controlli sul traffico marittimo tra l’Irlanda del Nord e il resto del Regno Unito. Dopotutto, l’UE deve essere in grado di garantire che le merci importate soddisfino i suoi standard.

Confini nel Mare d’Irlanda

Il governo conservatore del primo ministro Boris Johnson ha accettato il cosiddetto “confine nel mare d’Irlanda” durante i negoziati sulla partenza della Gran Bretagna, ma ora descrive il protocollo come problematico per il sistema costituzionale del Regno Unito e praticamente impraticabile. Tuttavia, la Commissione europea è impegnata nel protocollo. Il vicepresidente Maros Sefcovic ha riconosciuto i problemi con l’applicazione e mercoledì ha presentato un elenco di possibili soluzioni ai problemi pratici che affliggono il popolo dell’Irlanda del Nord. Ciò include la fornitura di medicinali.

READ  Gli scienziati sostengono che i risultati sono "strani" per il russo ...

Frost ha promesso a Lisbona di considerare le proposte con simpatia, ma la domanda era se fossero sufficienti per Londra. Il ministro in precedenza aveva minacciato più volte di attivare l’articolo 16 e di cancellare unilateralmente alcune parti del protocollo. Ciò, a sua volta, darebbe all’UE il diritto di adottare contromisure. Gli osservatori parlano già di un’imminente guerra commerciale. “Naturalmente spetterà all’UE decidere in merito alle ritorsioni, ma ciò non aiuterà la situazione in Irlanda del Nord”, ha affermato Frost.