QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministro degli Esteri olandese dopo un colloquio con John de Mol: “Più rapporti, anche su altri programmi” | Violenza sessuale in “Voice of the Netherlands”

spettacoloOltre alle segnalazioni di abusi su “The Voice”, le emittenti hanno segnalato anche segnalazioni di abusi su altri programmi. È quanto ha affermato il ministro degli Esteri olandese Jonai Oslo (Cultura e media) dopo un colloquio con il presidente della Talpa John de Mol. Sostiene un approccio “combinato” alla violenza sessuale e al comportamento aggressivo.




I due si sono incontrati questo pomeriggio in merito alle violazioni del programma “Voice of the Netherlands”. Secondo Oslo, le nuove linee guida non sono necessarie. Le linee guida sono già in atto. Tuttavia, dobbiamo continuare ad analizzare questo problema. Tutte le aziende lo fanno a modo loro e si concentrano su questo, ma dobbiamo farlo insieme”.

Oslo ha affermato che più rapporti sono stati inviati alle emittenti, anche su altri programmi. Non spiegava il software incluso.

Sessanta notifiche

Fa bohUna puntata su “Voice of the Netherlands” di giovedì scorso, sessanta segnalazioni sono state ricevute al Mores, il centro di segnalazione dei comportamenti transfrontalieri per il settore culturale e creativo. La metà di questi rapporti, dice Oslo, “potrebbe portare a un’indagine penale”.

Il numero di consiglieri segreti nel centro di segnalazione è stato aumentato da due a otto. Oslo ha risposto con forza alla trasmissione boh. Ha detto che le storie delle vittime l’hanno resa “malata”. Il ministro ha anche criticato le azioni di de Mol.

problema molto grande

Oslo spera che emittenti come RTL, Talpa, NPO, produttori ed “esperti” si uniranno in una conversazione per sviluppare un approccio. “Tutti quelli con cui parlo vogliono essere coinvolti in questo. Questo è un grosso problema e vogliamo affrontarlo insieme”. Riguardo alla sua conversazione con De Mol, ha detto che è stata una “buona conversazione”. “L’atmosfera era buona, ci saranno tutti i tipi di appuntamenti di follow-up”.

READ  nel quadro. Il principe George ha permesso di partecipare per la prima volta al campionato europeo di calcio con David Beckham e Ed Sheeran | spettacolo

In un programma boh, dal produttore Tim Hoffman, vengono discusse una serie di violazioni. Molte donne hanno condiviso le loro storie di comportamenti offensivi sessuali dietro le quinte. Le storie riguardano il leader della band Jeroen Rittbergen, gli allenatori Ali B e Marco Borsato e il regista.

Rietbergen è salito. Ha ammesso di aver avuto “relazioni sessuali” con le donne che partecipavano al programma. RTL ha sospeso la collaborazione con l’allenatore Ali B durante le indagini. Ha due conteggi, uno di stupro.

John de Mol su BOOS Broadcast. © Rob Engelar

“Non è colpa della donna”

Fino al 2019, De Mol è stato in ultima analisi responsabile del programma che una volta ha creato lui stesso. per i suoi commenti in boh Che non potesse fare molto per la cultura sul posto di lavoro perché le donne non si facevano avanti, ha ricevuto molte critiche, anche attraverso una pubblicità delle donne di Talpa in anno Domini. “Caro John, non è colpa della donna”, recitava l’annuncio a tutta pagina.

Oslo non voleva dire se gliene avesse parlato. “Non mi piace discutere i dettagli della mia conversazione.”

Leggi anche

Il produttore di ITV sulla ricerca sullo scandalo “Voice of Holland”: “Stiamo facendo buoni progressi”

“La potente famiglia De Mol ha ancora più corpi nel tesoro”.