QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministro della Difesa italiano chiede parità di peso nel partenariato di guerra anglo-giapponese

I tre paesi hanno annunciato questo mese il Global Combat Air Program (GCAP) per sviluppare il velivolo di nuova generazione entro il 2035, collegando il programma Tempest della Gran Bretagna con il programma FX del Giappone.

La partnership arriva mentre Francia, Germania e Spagna avanzano con piani concorrenti per costruire un jet da combattimento in un più ampio sforzo europeo per rafforzare le difese sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Roma prenderà una decisione definitiva su quanto investire nel progetto multimiliardario dopo che saranno stati stabiliti maggiori dettagli, ha affermato il ministro della Difesa Guido Crocetto, co-fondatore del partito Fratelli d’Italia del primo ministro Giorgia Meloni.

“L’Italia può continuare su questa strada solo se ha lo stesso peso di Giappone e Gran Bretagna quando si tratta di tecnologia, ricerca e poi, quando si arriva a quel livello”, ha detto in un’intervista, che ha definito “33%”. . -33%-33%”.

La britannica BAE Systems Plc, la giapponese Mitsubishi Heavy Industries e il gruppo di difesa italiano Leonardo guideranno la progettazione del velivolo, mentre il produttore europeo di missili MBDA e altre società parteciperanno.

Croceto ha affermato che mentre non dovrebbero esserci ostacoli all’adesione a un progetto europeo concorrente, GCAP dovrebbe mirare a trovare nuovi partner, soprattutto all’interno dell’Europa.

“Penso che la sfida sarà quella di accelerare in modo significativo il settore della ricerca e della tecnologia e attrarre altri paesi nei prossimi due o tre anni”, ha affermato.

Prima dell’Ucraina

La scorsa settimana il parlamento italiano ha dato il via libera all’invio di ulteriori armi in Ucraina dopo che cinque pacchetti erano stati approvati dal precedente governo guidato da Mario Draghi.

READ  Uomo d'affari | Gazprom riprenderà le forniture di gas all'Italia

L’Italia non ha mai rilasciato dettagli sulla sua esportazione, ma Crocetto ha confermato che Kiev ha richiesto sistemi di difesa aerea, tra cui il franco-italiano SAMP/T.

Dopo mesi di costose esportazioni di armi, l’Unione europea dovrebbe fornire sostegno finanziario ai paesi che riforniscono l’Ucraina, ha affermato Crosetto. Ha aggiunto che l’Italia sarebbe aperta a suggerimenti per appalti congiunti da parte dell’Agenzia per la difesa dell’UE.

Ha detto che l’Europa non permetterà mai una sconfitta ucraina, ma ha aggiunto che gli alleati devono anche gettare le basi per i colloqui di pace ed evitare l’escalation delle tensioni con Mosca.

“Nessuno vincerà questa guerra nel senso tradizionale del termine, loro (la Russia) lo sanno, ma nessuno dovrebbe pensare che l’Europa e la NATO perderanno qualcuno a tutti i costi”, ha detto Crosetto.

Con lo scoppio di una guerra su vasta scala sul suolo europeo, le prospettive di sicurezza in tutto il campo sono cambiate e ora è necessaria una profonda revisione per affrontare le sfide future, ha affermato.

“L’Europa pensava di poter costruire la propria sicurezza in un mondo senza guerre… si è svegliata da un incubo e si è trovata in una realtà in cui l’invasione tradizionale e l’aggressione territoriale erano possibili”, ha detto.

Le forze armate europee dovrebbero concentrarsi maggiormente sul rafforzamento delle forze speciali in grado di rispondere rapidamente alle minacce, ha affermato Crocetto, mentre l’intero settore della difesa deve diventare più efficiente.

“Il lasso di tempo per la ricerca e lo sviluppo militare è molto più lungo che nei settori non militari, e questo è qualcosa che deve cambiare”, ha detto Crocetto.

READ  La Banca Centrale Europea deve venire in soccorso dell'Italia

Per quanto riguarda l’industria nazionale, Crocetto ha respinto le speculazioni su un legame tra Leonardo e il costruttore navale Fincandieri, dicendo che non era all’ordine del giorno.

($ 1 = 0,9450 euro)