QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministro della Sanità britannico chiede di “convivere” con il virus

Il ministro della Sanità britannico Sajid Javid © via Reuters

Il ministro della Sanità britannico Sajid Javid ha dichiarato sabato che le nuove restrizioni sarebbero arrivate solo come “ultima risorsa” in Inghilterra, nonostante una serie di infezioni con la variante Omicron. Ha detto che era necessario imparare a “convivere” con il coronavirus.

Lawrence Turkfonte: belga

Il Regno Unito, uno dei paesi più colpiti con oltre 148.600 decessi attribuiti alla pandemia, registra un numero record di infezioni giorno dopo giorno. Venerdì erano più di 189.000 in 24 ore. Anche i ricoveri ospedalieri sono in aumento, sebbene il governo affermi che la variante omicron attualmente porta a malattie meno gravi rispetto alla variante delta.

“Il numero di persone in terapia intensiva è costante. Non andrà come l’anno scorso durante questo periodo durante l’ondata alfa”, ha detto Sajid Javid in un articolo d’opinione sul Daily Mail. Il paese è “in una situazione molto posizione più forte” grazie alla massiccia campagna di richiamo. Il governo ha deciso di non imporre nuove restrizioni durante le celebrazioni di Capodanno, a differenza di Scozia, Galles e Irlanda del Nord Il ministro ha riconosciuto che i servizi sanitari sarebbero “inevitabilmente” sotto pressione nelle prossime settimane, a causa al “significativo aumento” dei ricoveri ospedalieri.

Leggi anche. L’incredibile progresso di omikron: l’epidemia di coronavirus non è mai stata così grande (+)

rinforzo

Il Daily Telegraph ha riferito sabato che il governo potrebbe decidere a gennaio di continuare a raccomandare il lavoro a distanza. Questa raccomandazione è in vigore da metà dicembre.

Il primo ministro Boris Johnson aveva precedentemente indicato che l’obiettivo ufficiale di fornire una dose di richiamo a tutti gli adulti entro la fine di dicembre era stato raggiunto. Più di sette residenti su dieci hanno già ricevuto il vaccino di richiamo.

Secondo uno studio di venerdì dell’UKHSA, l’agenzia britannica per le malattie infettive e altre minacce alla salute pubblica, i pazienti con la variante omicron hanno l’81% in meno di probabilità di finire in ospedale se ricevono un vaccino di richiamo, rispetto alle persone non vaccinate. Il servizio sanitario nazionale britannico ha già annunciato che sta installando infrastrutture di emergenza, con potenzialmente centinaia di posti letto, per prepararsi allo “scenario peggiore”.

READ  Particelle responsabili di circa 6.500 morti premature in Belgio nel 2019 | ambiente