QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministro dell’Integrazione austriaco ingoia le critiche per la sua “mappa dell’Islam politico” | all’estero

Il ministro dell’Integrazione austriaco Suzanne Raab è stato criticato per la cosiddetta “mappa dell’Islam politico”. La mappa elenca 623 organizzazioni, società e moschee islamiche, con la loro sede principale in Austria. “Questo non è in alcun modo collegato a un sospetto generale sui musulmani”, ha detto al quotidiano tedesco Die Welt. “Si tratta della lotta comune contro l’Islam politico come terreno fertile per l’estremismo”.




I rappresentanti dell’opposizione austriaca e dei gruppi islamisti hanno criticato il fatto che tutte le organizzazioni islamiste siano mostrate sulla mappa, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno tendenze antidemocratiche. Sabato un’organizzazione per i giovani musulmani ha annunciato che avrebbe sporto denuncia contro il card.

Ieri il Consiglio d’Europa ha chiesto all’Austria di ritirare la tessera perché molti musulmani si sentono disonorati e minacciati. I titoli e altri dettagli delle organizzazioni vengono pubblicati.

“Preferisco predicare nelle stanze sul retro.”

Secondo Rab, non è vero che i rappresentanti musulmani siano in pericolo ora che la mappa è stata pubblicata. Il ministro ha detto: “Se qualcuno dice di voler fondare un’organizzazione islamica ma non vuole che nessuno lo sappia, allora questo mostra il problema esatto. Allora preferisci predicare in stanze private sul retro”.

Secondo lei, la mappa è interessante per i musulmani che non vogliono avere niente a che fare con l’estremismo. “Devono anche sapere in quale moschea stanno andando e quali strutture e ideologie ci sono dietro”, conclude.

Leggi anche: Tom Van Grix parla della regione “dominante” delle Fiandre bianche: “Le sue dichiarazioni sono un attacco ai diritti umani” (+)