QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministro tedesco teme che gli obiettivi climatici per il 2030 non saranno raggiunti | all’estero

La Germania quasi certamente non raggiungerà i suoi obiettivi climatici entro il 2030 se non verranno prese misure di vasta portata, avverte il nuovo ministro tedesco dell’Economia e della protezione del clima Robert Habeck. “Nei prossimi anni, dobbiamo diventare più efficienti e veloci”, ha affermato il ministro dei Verdi, avvertendo della necessità di triplicare gli sforzi per portare a termine l'”enorme” compito.




Senza cambiamenti politici, ha detto Habeck, la Germania avrebbe ridotto i gas serra solo del 50 per cento entro la fine del decennio, invece dell’obiettivo del 65 per cento del 1990. “Sono 200 milioni di tonnellate di troppo”.

In ogni caso, l’obiettivo dello scorso anno non è stato ampiamente raggiunto e si è registrato un aumento delle emissioni del 4 per cento. In generale, c’è un “arretrato significativo” nella protezione del clima a tutti i livelli.

Secondo Habek, negli ultimi anni è successo molto poco per quanto riguarda le energie rinnovabili. Al Paese mancano solo otto anni per portare la quota di energia rinnovabile all’80%, rispetto al 42%.
Il governo ha fissato l’obiettivo di eliminare gradualmente il carbone entro il 2030, otto anni prima del previsto. Tuttavia, a causa della diminuzione dei venti nell’ultimo anno, la quota della fonte di energia inquinata è relativamente aumentata. La chiusura degli ultimi sei reattori nucleari, che dovrebbero essere completati entro la fine di quest’anno, aumenterà le emissioni di anidride carbonica di altri 40 milioni di tonnellate.

progetti di energia eolica

Per invertire la tendenza, il 2% della superficie terrestre è stata dedicata a progetti di energia eolica, quasi quattro volte quella attuale. Habek ha promesso di ridurre drasticamente la burocrazia per l’approvazione e ha invitato la resistenza a fermarsi. “Tutti devono partecipare”.
È inoltre necessario rivestire i nuovi edifici aziendali con pannelli solari. Questa dovrebbe diventare anche la norma per le nuove case. Il governo aiuterà con investimenti nella produzione di idrogeno e nell’inverdimento delle fabbriche. Entro il 2030 dovrebbero esserci 15 milioni di veicoli elettrici sulle strade. Ogni anno devono essere aggiunti ulteriori 100.000 punti di ricarica.

READ  Il litigio diplomatico sembra svanire: dopotutto Erdogan probabilmente non espellerà gli ambasciatori

Il governo del cancelliere Olaf Scholz vuole che la Germania sia a zero emissioni di carbonio entro il 2045. Il socialdemocratico ha fatto della lotta ai cambiamenti climatici una priorità assoluta e ha promesso la più grande trasformazione economica e industriale in un secolo. L’obiettivo è una legge che il Parlamento dovrà approvare quest’anno.