QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il modo in cui il ciclismo femminile è dominato dai Paesi Bassi e dall’Italia e da Lotte Kobe – il ciclismo

Ogni anno aumentano il livello del ciclismo femminile, i numeri di spettatori, i premi in denaro, il numero di corridori e le migliori competizioni. Tuttavia, ciò è contrario alla limitata distribuzione geografica dei topper. Era lo stesso la scorsa stagione.

Annemiek van Vleuten ha twittato sulla velocità con cui lo status del ciclismo femminile migliora dopo la vittoria a Liegi-Bastogne-Liegi domenica. Con la sua prima vittoria a La Doen nel 2019 ha citato il suo tempo ai “nerd di paglia” di La Retute che sono andati da solista. Ma 13 secondi più lento rispetto a domenica scorsa, domenica il vento soffiava in testa.

Annemiek van Vleuten ha twittato sulla velocità con cui lo status del ciclismo femminile migliora dopo la vittoria a Liegi-Bastogne-Liegi domenica. Con la sua prima vittoria a La Doen nel 2019 ha citato il suo tempo ai “nerd di paglia” di La Retute che sono andati da solista. Ma 13 secondi più lento rispetto a domenica scorsa, domenica il vento soffiava in testa. L’olandese ha fatto segnare il suo miglior tempo alla Roche aux Faucons all’età di 39 (!) Sulla strada per il suo secondo successo classico primaverile. Tuttavia, c’era bisogno di scuotere la concorrenza. Perché Van Vluten ha detto in conferenza stampa: “Sto meglio di prima in primavera, ma è sempre più difficile vincere”. Professionalità completa su molte (nuove) squadre del World Tour, incluso il salario minimo. Tuttavia, dovresti anche notare che la scorsa stagione i premi più importanti sono stati assegnati tra i corridori di tre paesi. In dieci gare World Tour e quattro gare 1 Pro (tutte di un giorno), il vincitore è l’italiano (sette volte), un olandese (cinque volte) o un belga, Lotte Kobecki (due volte) per l’Olanda, Annemiek van Vleuten Omloop Het Nieuwsblad e Liège-Bastogne-Liège hanno vinto anche Demi Wollinger Prabhance Picley, e la veloce bombetta di Lorena Vibes Ronde van Trente e la maledizione di Nogare. I fan del ciclismo italiano includono Elisa Balsamo (Tropio Pinta, Bruze-de Bunne e Gent-Weveljem), Marta Cavalli (Amstel Gold Race e Walls Bezel), Sierra Consoni (Torres dor Vlanderon) ed Elisa Longro Barr. (Parigi-Roubaix). Si potevano contare sulle due vittorie di Lotte Kobeki con le belghe Straight Bianche e Ronde von Vlandern. , Van Vleuten e co sono tra i primi tre con il 40,4 per cento, Balsamo e co il 31 per cento, non meno del 71,4 per cento. Anche Lotte Kobe è salita cinque volte sul podio per il Belgio, mentre Julie de Wilde è arrivata seconda con la Twars Dor Vilantern. Passaporto belga: il sudafricano Ashleigh Mooleman è arrivato terzo alla Strait Bianche, allo stesso posto lo svizzero Ellis Sabe Dwarz al Dor Vlander, la catarsi polacca è arrivata seconda alla Nivatoma Franான்ois Biel, così come il tedesco Leon Libert. Amstel è arrivato terzo nella Gold Race e secondo nell’australiana Grace Brown Liegi-Pastogne-Liegi. Le donne olandesi e italiane insieme costituiscono il 59% delle prime cinque ed esattamente la metà delle prime dieci. Con i seggi rispettabili dei nostri compagni, è aumentato rispettivamente al 69 per cento e al 57 per cento. Negli ultimi dodici mesi). Solo lo svizzero Malen Reuser (quinto) e il sudafricano Ashleigh Mooleman (nono) possono stringersi tra loro.

READ  L'Italia lotta con la bassa natalità e in Sardegna si avvicinano