QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il momento di Carl: Emotional Cavendish finisce entro il tempo assegnato | Il momento di Carl

“L’ora del giorno è il movimento di retroguardia nel Tour de France”, ha aperto Karl Vanneukerke. “E’ stata una tappa molto difficile: ha piovuto di donne tutto il giorno e ci sono state vittime sulla strada per Tene”.

“Matthew van der Poel e Primus Roglic non sono partiti, Tim Merler si è arreso e il tempo di Arnaud Demare e Brian Coquard è scaduto. Ce n’è stato uno giusto in tempo ed è stato molto contento: Mark Cavendish”.

Questo ha emozionato Cavendish. Circondato dai suoi compagni di squadra Tim Declercq e Michael Mørkøv e da Dries Devenyns, che è stato al suo fianco tutto il giorno come angelo custode.

“Cavendish sapeva che se fosse arrivato in tempo, c’erano ancora possibilità dopo il giorno di riposo. È come se avesse vinto la tappa. Cavendish sogna ancora le vittorie di tappa e la maglia verde a Parigi”.

Shaking Mark Cavendish ha rilasciato un’intervista a Tignes indossando una maglietta verde. “Sopravvivere a questa tappa significa molto, perché questa tappa ci ha davvero spaventato”, ha detto il velocista britannico nel Deconinc Quick Step.

“I miei compagni avrebbero potuto guidare più velocemente, ma sono rimasti con me e mi hanno supportato. Avere questo gruppo di giocatori intorno a me mi emoziona”.

“Ho detto a mia moglie Peta negli ultimi anni che ero geloso dei corridori Deceuninck-Quick Step o Groupama-FDJ, perché queste squadre supportano i loro corridori in montagna. Ho lasciato i miei dispositivi”.

“Anche più delle fasi sprint, questo lavoro mi umilia. Dries (Devenins), Tim (DeClerc) e Michael Murkoff erano in testa in salita e hanno deciso il ritmo”.

READ  La seconda settimana a Jero: Gravel, Monte Zoncolan e Queen's Roads | Jiro

A quanto pare Cavendish ha sofferto molto sulla strada per Tignes. “Per quanto mi sarebbe piaciuto tornare in tour, avrei cancellato giorni come questi dalla mia memoria. Sono distrutto”.