QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare a Bruxelles

Il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare a Bruxelles

Vivalis, il servizio responsabile della salute e dell’aiuto alla popolazione nella regione di Bruxelles, ha segnalato 42 casi confermati di morbillo ad aprile, 51 a maggio e 42 a giugno. Si tratta di un numero leggermente aumentato ed è molto più alto rispetto agli anni precedenti. “Il numero di casi è in aumento, ma questo non è ancora motivo di preoccupazione”, ha detto Vivalis. Rilievo Conosciuto.

Allo stesso tempo, anche nelle Fiandre si registra un aumento del numero di pazienti. Martedì è stato riferito che il dipartimento sanitario fiammingo ha già contato 64 segnalazioni di casi confermati o probabili della malattia quest’anno, quasi il doppio del numero di segnalazioni dell’anno scorso.

La maggior parte delle segnalazioni di morbillo nelle Fiandre si verifica attualmente nel Brabante Fiammingo (28 casi). La spiegazione di ciò è la sua vicinanza a Bruxelles.

Liquami

Lo vede anche l’Istituto di Riga, che dai tempi della pandemia di Corona esamina le acque reflue per individuare la presenza di virus. A marzo, i ricercatori hanno effettivamente trovato campioni infetti dal virus del morbillo nel nord di Bruxelles. Il virus è stato ora trovato anche nelle acque reflue di Bertam, nel Brabante fiammingo. Nessun nuovo campione è stato testato da Bruxelles da aprile.

“Diversi gruppi di popolazione convivono a Bruxelles e il tasso di vaccinazione è più basso: quindi c’era un po’ da aspettarsi che il morbillo sarebbe ricomparso”, dice Elke Wollants, direttrice del laboratorio dell’Istituto di Riga. “Ma non mi aspettavo che comparisse anche nella zona intorno a Lovanio.” Secondo Wolantz, il fatto che il virus sia presente nelle acque reflue indica infezioni multiple.

READ  Fatica durante o dopo il cancro, incontro sostanziale al Meeting Centre de IJssel

Uno su quattro

All’inizio di questo mese, Wolantz ha chiesto che i bambini venissero vaccinati contro il morbillo. “C’è stata una certa stanchezza nei confronti delle vaccinazioni dall’emergere della pandemia di Corona, ma è molto importante vaccinare i bambini contro il morbillo”, afferma. “Nella maggior parte delle persone, la malattia si limita a eruzione cutanea, raffreddore e febbre, ma uno su quattro sviluppa complicazioni. Queste possono variare da infezioni agli occhi o alle orecchie o polmonite fino a un’infezione al cervello che può essere fatale.”