QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il numero di casi segnalati della malattia è diminuito nel 2021

Il rapporto di monitoraggio di NVP descrive come stanno andando le cose nei Paesi Bassi con 12 malattie infettive per le quali NVP è vaccinato. Il rapporto esamina la gravità delle malattie e l’efficacia dei vaccini. Questo viene fatto, ad esempio, osservando quante persone si sono ammalate e quante volte qualcuno è dovuto andare in ospedale. Il rapporto confronta anche queste cifre con gli stessi numeri degli anni precedenti e di altri paesi.

Il numero di pazienti è inferiore a quello che era prima della pandemia di Corona

Il numero di segnalazioni è diminuito in particolare per pertosse, parotite e malattia pneumococcica grave. Il numero di segnalazioni di malattia meningococcica di tipo W è diminuito ulteriormente dopo che questa vaccinazione è stata aggiunta al NIP nel 2018.

Il morbillo non è stato segnalato una volta l’anno scorso, mentre ci sono ancora 84 segnalazioni nel 2019. Inoltre, non ci sono state segnalazioni di rosolia e poliomielite. Inoltre, nel 2021 non sono stati segnalati casi di difterite e tetano.

Nel 2021 ci sono stati meno casi di epatite B acuta rispetto al 2020: 72 casi nel 2021, 95 nel 2020. Il numero di segnalazioni di epatite B cronica è stato pressoché invariato nel 2020, ma rispetto al 2019 è in calo Il numero è di circa un Terzo. C’è una buona probabilità che meno persone soffrano di epatite cronica C. Questa diminuzione potrebbe essere dovuta al fatto che le persone hanno visitato meno il medico a causa della pandemia di Corona.

L’unica eccezione in cui il numero di segnalazioni non è diminuito è la malattia grave dovuta a Haemophilus influenzae di tipo b. Questo è un batterio presente nella cavità nasale di quasi tutte le persone. Nel 2020 e nel 2021, l’HCV è stato segnalato 68 volte, mentre nel 2019 i casi sono stati solo 39. Il RIVM sta indagando sul motivo. Il vaccino sembra funzionare come prima.

READ  La ricerca ha trovato tre misure preventive che riducono il rischio di cancro negli anziani:

Bassa copertura vaccinale nazionale

Il tasso di vaccinazione è leggermente diminuito rispetto allo scorso anno. Si tratta di una diminuzione da 1 a 2 punti percentuali. Il tasso di immunizzazione per le vaccinazioni prima dei due anni è compreso tra il 92% e il 93%.

La diminuzione è in parte dovuta al fatto che alcune vaccinazioni sono state somministrate più tardi del solito a causa della pandemia di coronavirus. Se la diminuzione persiste, dovrebbe essere effettuata un’indagine sulla causa. Sulla base di questi risultati, è possibile adottare misure.

Modifiche a RVP

Da febbraio 2022, ragazze e ragazzi sono invitati a vaccinarsi contro l’HPV e la vaccinazione contro l’HPV viene somministrata nell’anno in cui i bambini raggiungono l’età di 10 anni. È stata inoltre lanciata una campagna di recupero per ragazzi e ragazze di età inferiore ai 18 anni che non sono (completamente) vaccinati contro l’HPV.

Vaccinazione contro il rotavirus e vaccino antinfluenzale per le donne in gravidanza

Nel 2021, il Board of Health ha consigliato di vaccinare tutti i bambini piccoli contro il rotavirus e ha chiesto la vaccinazione contro l’influenza di più gruppi ad alto rischio, comprese le donne incinte. Entrambe le raccomandazioni sono state approvate dal Ministero della Salute, del Welfare e dello Sport e sono in corso i preparativi per la loro attuazione.

corona

Dallo scorso anno, al rapporto di monitoraggio degli incrociatori del Mar Rosso è stato aggiunto un capitolo su Corona. Il punto più importante di questo capitolo è che i vaccini corona funzionano bene contro malattie gravi, e quindi contro ricoveri e decessi. I vaccinati che si ammalano sono meno contagiosi dei non vaccinati. La protezione diminuisce lentamente dopo la vaccinazione, ma viene ripristinata dal richiamo e dalla ripetizione delle vaccinazioni.

READ  Meno focolai di malattie di origine alimentare nel 2020

Scritto da: Manuale di assistenza nazionale