QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il numero di reti di calore è aumentato nelle Fiandre lo scorso anno | interni

L’anno scorso, il numero di reti di calore nelle Fiandre è aumentato da 56 a 76. Ciò è evidente dal secondo rapporto sulla rete di calore pubblicato da VREG. Il rapporto mostra anche che gli utenti non domestici rimangono i maggiori consumatori di queste reti di calore. La rete del calore è un tubo circolare interrato che riutilizza il calore residuo per il riscaldamento e l’acqua calda.




L’autorità fiamminga del mercato dell’elettricità e del gas (VREG) controlla da due anni le reti di riscaldamento e raffreddamento nelle Fiandre e raccoglie una grande quantità di informazioni. Nell’ultimo anno, il numero di segnalazioni dalle reti di calore è aumentato da 56 a 76 e il calore fornito alle reti censite da VREG è aumentato del 23 percento a 834 GWh nel 2020. “Sebbene questi numeri siano relativamente piccoli all’interno della potenza, afferma il fiammingo vreg.

Inoltre, il rapporto mostra anche che le utenze non domestiche, in particolare le imprese, utilizzano principalmente il calore fornito. Ciò è dovuto alle grandi quantità di energia scambiata nelle reti di riscaldamento industriali. Il numero dei clienti finali è aumentato a 4.105 nel 2020 rispetto al 1990 dell’anno precedente, di cui solo 271 famiglie.

prezzi del calore

Per la prima volta è stata condotta anche una ricerca sui prezzi del calore applicabili all’interno delle reti di riscaldamento fiamminghe e sul modo in cui vengono fissati i prezzi. Per quanto riguarda il consumo medio, calcolato su reti di calore note, il costo annuo per le famiglie con contratto individuale per il riscaldamento tramite rete di calore varia tra 300 e 900 euro. Sebbene questa sembri essere una diffusione massiccia, una distribuzione simile può essere osservata in altri paesi europei.

READ  "I problemi di Listeria alla filiale di Ter Beke sono durati anni e il controllo è fallito" | Notizia

Secondo una ricerca svedese, le ragioni di ciò risiedono nell’età della rete (le nuove reti hanno investimenti non ancora ammortizzati e quindi sono più onerose), la distanza tra i consumatori della rete (più sono lontani, più costosa è la fornitura).) e la scelta del carburante, anche se nelle Fiandre è limitata perché la maggior parte dei fornitori segue i prezzi del gas naturale quando stabilisce i costi energetici.

In futuro, VREG vuole compiere ulteriori sforzi per sviluppare una visione chiara del futuro per la regolazione delle reti di riscaldamento e raffreddamento nelle Fiandre, tenendo conto di eventuali sviluppi politici. Sorge la domanda se le attuali normative siano sufficienti o debbano essere migliorate e, in caso affermativo, come? Uno dei contributi che il VREG può dare è lo sviluppo di una regolamentazione tecnica delle reti del caldo e del freddo in cui vengono formalizzate e standardizzate alcune procedure comuni a molte reti termiche.

Leggi anche.

7 consigli concreti per risparmiare oggi 600 euro sulla bolletta energetica (+)