QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il nuovo esame del sangue del ricercatore dell’Alzheimer: “Un importante passo avanti”

Un gruppo internazionale di scienziati ha sviluppato un nuovo esame del sangue in grado di rilevare l’Alzheimer, ha riferito The Guardian mercoledì. Bart de Strober, un ricercatore sulla malattia di Alzheimer del Flemish Institute for Biotechnology e KU Leuven, non è stato coinvolto personalmente nello studio, ma è entusiasta della scoperta. “Questo è un bel passo avanti.”

Circa 20 anni fa, non era possibile diagnosticare la malattia di Alzheimer nella vita dei pazienti. Solo dopo la loro morte si può fare una diagnosi esaminando il cervello. Dieci anni fa, la tomografia computerizzata (CT) del cervello è stata la prima a mostrare le proteine ​​che si accumulano nel cervello, indicando una malattia. La malattia di Alzheimer può essere rilevata anche attraverso una puntura lombare, un’epidurale. Tuttavia, questi metodi, scansioni e fori stenopeici, sono spesso ingombranti e costosi.

Così gli scienziati hanno ricercato esami del sangue in grado di rilevare la malattia di Alzheimer più a lungo. L’anno scorso, per la prima volta, sono riusciti a sviluppare un esame del sangue in grado di rilevare la presenza di due tipi di proteine, tau e amiloide. Queste due proteine ​​si accumulano nel morbo di Alzheimer, causando il deterioramento di alcune funzioni cerebrali, come la memoria.

Questo nuovo test consente di misurare la quantità e la forma della proteina tau. Può anche determinare il grado di danno cerebrale e consente la distinzione tra pazienti con malattia di Alzheimer e quelli con un’altra forma di demenza.

“Il puzzle sta iniziando a ricomporsi sempre di più e la ricerca sta guadagnando slancio”, afferma de Strober. “Qualche mese fa c’era anche la notizia del farmaco licanimab, che rallenta la malattia. Questi esami del sangue possono garantire che una diagnosi possa essere fatta più velocemente. Questo è molto importante per poter iniziare rapidamente il trattamento”.

READ  UMCG neemt deel aan study naar effect leefstijlprogramma op hersengezondheid

De Strober afferma che i test potrebbero essere utilizzati in modo efficace anche per il prossimo futuro. “Gli studi sul sangue sono ancora in corso al momento. Sto puntando a 1-2 anni prima di conoscere il test.”

L’accesso a tutte le funzioni è riservato agli operatori sanitari.

Se sei un operatore sanitario, devi accedere o registrarti gratuitamente per accedere completamente a questo contenuto.
Se sei un giornalista o vuoi informarci, scrivi a redactie@rmnet.be.