QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il nuovo ‘VARce’ e Charleroi non riescono a trattenere Spry Cercle Brugge da 9 di 9 | Jupiler Pro League 2022/2023

Il Cercle Brugge è inarrestabile sotto il nuovo allenatore Myron Moslick. Anche Charleroi non ha avuto molto a che fare con Jean Breedel, anche se gli è stato permesso di prendere due rigori. Uno è stato salvato e l’altro è arrivato dopo un misterioso intervento del Video Assistant Referee.

Circle Brugge – Charleroi in poche parole:

  • Tempo di partita: Dopo appena 2 minuti e 30 secondi, Visser ha giudicato che c’era una prestazione (molto leggera) di Marcellin in area di rigore. Nessuno a Jan Bridle sapeva di cosa si trattasse, solo VAR e poi anche Visser. A differenza di Zorgane, Heymans ha segnato il rigore. Si scopre che la dubbia decisione è stata solo una svolta nella grande vittoria del Cercle Brugge.
  • uomo partita: Solo Ueda insegnò all’avanguardia di Charleroi una lezione di competenza. Con un gol prima della fine del primo tempo e dopo la fine del primo tempo, il Cercle Brugge si porta a 9 su 9.
  • Migliore alternativa: Gboho è entrato impaziente e ha dato colore alla fine del match. Con un gol e una svolta decisiva nel quarto gol, ha piazzato sul tabellone i pesanti numeri 4-1.

Charleroi sbaglia, segna il cerchio

Il 5 ottobre 2018 è stata l’ultima volta che il Cercle Brugge è riuscito a battere lo Charleroi. Solo sconfitte da allora… anche quattro anni dopo.

Tuttavia, l’inizio non prometteva molto per Circle. La tranquilla fase iniziale è iniziata dopo 10 minuti con un gol di Charleroi, anche se Benbouli ha segnato da fuorigioco.

Contro ogni previsione, Charleroi non ha scavato. In mezz’ora lo slancio per Circle è arrivato e i padroni di casa sono stati premiati per questo: Ueda ha realizzato un bel 1-0 del turno e ha trasformato un numero di prova fallito in un calcio d’angolo riuscito.

Anche su calcio di rigore, su fallo di mano di Popovic, Charleroi non riesce a segnare. Il tiro estremamente debole di Zorgane è stato facilmente preso da Majecki, che ha dovuto scegliere la giusta angolazione.

Ueda, Denki e Hotek festeggiano.

Ueda e Gboho spingono Charleroi in buca

Anche lo Charleroi vede che il suo spirito offensivo non viene premiato all’inizio del secondo tempo: Nkoba sbaglia il pareggio da distanza ravvicinata, mentre Marceline salva il tanto necessario pallone dalla linea di porta con un tiro di Golizade.

Ueda, invece, ha segnato, insegnando all’avanguardia delle Zebre una lezione di competenza. Ha ottenuto un bel tacco da Dinke grazie alla sua bella pugnalata in porta: 2-0.

Confusione dappertutto quando Visser ha interrotto bruscamente la partita ed è tornato allo stadio che era accaduto 2,5 minuti prima su istruzioni del VAR De Cremer.

Un tiro di Kayembe alla testa di Benbouali è caduto molto leggero su Marcellin. Basta con il calcio di rigore di De Cremer e Visser, che questa volta è stato trasformato – duro e di mezzo – dal sostituto Heymans.

Circle non era turbato e sotto l’afflusso di sangue fresco, Jboho ha ampliato il divario fino a 4-1. Prima attraverso lo stesso Gboho e poi grazie a una donazione di Tchatchoua, che era sotto pressione da Gboho, Kehrer lo ha punito.

Con questa prima vittoria in 4 anni contro il Charleroi, il Cercle Brugge scavalca il tormentato Edward Steele e si infila nella colonna di sinistra della classifica. E questo per una squadra che non è uscita dalla zona retrocessione qualche settimana fa e ha dovuto licenziare il proprio allenatore (Thalhammer).

L’arbitro Lawrence Visser è stato chiamato allo schermo solo dopo 2,5 minuti.

I sostituti Kehrer (n. 7) e Gboho (a destra) hanno ottenuto il punteggio finale di 4-1.

Heymans: “La fiducia in Still è ancora grande”

  • Kevin Dinke (Cerchio Brugge): Felice di questa terza vittoria in una settimana intensa. Non c’è nessun segreto, solo duro lavoro. Sono contento che l’allenatore stia dando i suoi frutti. Nonostante i gol non siano stati segnati, sono contento del mio contributo. Che i tifosi intonassero un rigore, un rigore? Questo è un po’ un calcio da giudicare. Finché vinciamo, non importa.
  • Dan Heymans (Charleroi): Tutti nel club cercano una ragione. È passato un bel po’ da diverse settimane e deve essere cambiato al più presto. Vogliamo mostrarci molto, mentre a volte dobbiamo scegliere la competenza. Quel calcio di rigore? Finora non so ancora perché Visser abbia fischiato… Ho ancora molta fiducia nell’allenatore e nel gruppo e penso di poter parlare a nome di tutto il gruppo.
  • Myron Moslick (allenatore del Circolo Brugge): Sembrerebbe che tutto stia andando più facile, ma ogni obiettivo è stato il risultato di un duro lavoro. Nonostante i calci di rigore, rimaniamo in partita grazie a Magici e Marceline. Importante per rinfrescare Cercle, l’atmosfera a Jan Breydel era buona.
  • Edward Steele (allenatore del Charleroi): Ci è mancato il realismo in entrambe le aree di rigore. Possiamo essere pericolosi senza segnare gol. Eravamo molto deboli in difesa. Tutti sono molto delusi e dobbiamo affrontarlo. Non mi interessa la mia situazione, il gruppo è molto più importante e questo è il mio ruolo di allenatore. Possiamo cambiarlo solo combattendo e lavorando sodo.
  1. Fine 22h35. Fine: 4-1. Il tormento di Charleroy è finito. Alla fine, non ha avuto alcun effetto. Cercle punisce spietatamente ogni fallo e porta il punteggio sul 4-1. & nbsp; .
  2. Il secondo tempo, al 93′, il gioco è finito
  3. Un gol nel secondo tempo, al 90′, di Emilio Kerrer, giocatore del Cercle Brugge. 4, 1.
  4. Secondo tempo, 90′, ancora 4-1! Gboho ha anche ottenuto un ruolo nel quarto gol di Circle. A causa della sua pressione, Tchatchoua passa la palla ai piedi di Kehrer, che può finire facilmente la palla! 4-1, Charleroi si arrende….
  5. Secondo tempo, minuto 89. Ancora una volta c’è quella passione per Gboho: tocca palla accanto a Patron, ma anche vicino alla porta! .
  6. Van der Bruggen al lavoro! Altro grande attacco di Cercle: Gboho e Keher schiacciano i difensori delle Zebre. Kahrer ha sbagliato il tiro e Hans van der Brugen ha pagato sul palo! . Secondo tempo, 89° minuto.
  7. Secondo tempo, minuto 86. Sostituzione Cercle Brugge, dentro Christian Ravic, fuori Jean Marcelin
  8. Secondo tempo, minuto 86. Sostituzione Cercle Brugge, Dimitar Vilkowski dentro, Olivier Deman fuori
  9. Secondo tempo, minuto 85. Sostituzione a Charleroi, uscita Youssef Badji, Martin Wassinski
  10. Secondo tempo, minuto 83. E’ una partita divertente che sale e scende molto bene. Cercle continua ad attaccare avidamente e anche Charleroi sta ancora cercando l’obiettivo della connessione. Le grandi opportunità non (ancora) seguono. .
  11. Secondo tempo, minuto 79. Ben Boali ha spazio, Marceline passa bene, ma deve passare la palla più velocemente. Mbenza in piedi da solo davanti alla porta. Ben Bouali perde palla. .
  12. Secondo tempo, minuto 78. Sostituzione al Cercle Brugge, entra Hans van der Bruggen, Leonardo da Silva Lups.
  13. Secondo tempo, minuto 76. Sostituzione a Charleroi, Jackson Chachoa dentro, Ryota Morioka fuori
  14. Secondo tempo, minuto 76. Sostituzione a Charleroi, dentro Isaac Mbenza, fuori Joris Kaembe
  15. Secondo tempo, minuto 73. 3-1 grazie a Gboho. Gboho è molto ansioso di riempire il vuoto! Forza lui stesso il possesso palla, il suo primo tentativo ancora in tondo, ma recupera palla ai suoi piedi e colpisce la seconda volta. 3-1! .
  16. Un gol nel secondo tempo, al 73′, di Jan Gboho, giocatore del Cercle Brugge. 3, 1.
  17. Secondo tempo, minuto 71. I tifosi del cerchio ora vedono un calcio di rigore in tutto e gridano al VAR in ogni fase discutibile del grande rettangolo. .
  18. Secondo tempo, minuto 71. Gboho ottiene un tiro di punizione! Si gira dall’altra parte della gamba e il suo tiro finisce.
  19. Ammonizione per Charleroi Nazeer Benbouali durante il secondo tempo, minuto 70
READ  STVV Power 3 Suspended non dovrebbe mancare ma 4 duelli dopo brutali interferenze | Jupiler Pro League