QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il padre ha pubblicato le foto di una famiglia morta dopo aver tentato di scappare: “Il mondo intero ha bisogno di saperlo”

È un’immagine della guerra in Ucraina che permane: una madre ei suoi due figli giacciono morti per strada a Irbin, vicino a Kiev, dopo essere caduti preda della violenza russa. La foto era anche sulla prima pagina di Standard† Il vedovo raccontò la sua storia New York Times

Le immagini parlano da sole: Tatiana Peribinos (43 anni) ei suoi figli Nikita (18 anni) e Alice (9 anni) sono sdraiati in mezzo alla strada. E un volontario della chiesa che li ha aiutati a evacuare non è sopravvissuto ai bombardamenti russi. Girali intorno a borse e un cestino per un animale domestico.

Sergei Peribinos, padre dei due bambini e marito di Tatiana, ha condiviso su Facebook le foto dei suoi familiari in lutto. “Mi sono stati tutti portati via. Tatiana non ha funzionato. Perché? Cosa accadrà dopo? Sto arrivando, voglio vederti di nuovo. Perdonami, non ero lì per proteggerti.”

Dopo le sue grida di cuore su Facebook, New York Times Parla con l’uomo. “Il mondo intero ha bisogno di sapere cosa sta succedendo qui”, ha detto. L’intervista mostra che la famiglia è già fuggita dalla guerra. Nel 2014, dopo la rivolta dei separatisti russi nella natia Donetsk, si sono trasferiti in una zona più sicura di Kiev. La situazione è cambiata quando i russi hanno invaso il paese il 24 febbraio.

Tre giorni nel seminterrato

Prima dell’inizio dell’invasione, Sergei Perebinos è tornato a Donetsk per prendersi cura di sua madre, che soffriva di Covid-19. La moglie di Tatiana ha lavorato come direttore finanziario per una società di informatica. I colleghi affermano che anche quando la famiglia ha dovuto rifugiarsi nel seminterrato del loro condominio, è stata impegnata a pagare risarcimenti e alloggi aerei per i dipendenti. La donna stessa non è ancora scappata perché sua madre è affetta dal morbo di Alzheimer.

READ  Incendio su una nave portacontainer che trasporta materiali pericolosi al largo della costa canadese: sostanze tossiche nell'acqua di mare | Notizia

Dopo due giorni al rifugio, la situazione a Irben è diventata molto pericolosa. Il primo tentativo di volo di sabato è fallito quando un carro armato si è avvicinato stranamente. Il giorno dopo, hanno riprovato secondo un piano che la donna ha discusso meticolosamente con il marito al telefono. Doveva fuggire con i suoi due figli ei suoi genitori nel centro di Kiev con l’aiuto di un gruppo della chiesa.

Al livello del fiume Irbin, hanno dovuto lasciare la macchina e proseguire a piedi fino al ponte. Lì entrarono in uno scontro a fuoco. Una granata è esplosa a circa 10 metri dalla famiglia e da un volontario della chiesa. Non hanno avuto una possibilità. I genitori di Tatiana erano un po’ indietro e sono riusciti a portarli in salvo.

bagagli

Rintracciando la posizione, domenica mattina Sergei Perebinos ha visto il telefono di sua moglie acceso in ospedale, ma lei non riusciva a parlare. Mezz’ora dopo, ha visto un messaggio su Twitter che una famiglia era stata uccisa in un’esplosione di granate. Poco dopo è apparsa un’immagine. Ho subito riconosciuto le loro borse. È così che l’ho capito, dice Perebino New York Times

Colleghi e amici avevano già elogiato Tatiana e i bambini sui social. Un collega ha scritto: “Siamo rimasti scioccati”. I nostri cuori sono spezzati. Non ci sono parole sufficienti per esprimere il nostro dolore e la nostra tristezza.