QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Parlamento europeo vuole più stazioni di ricarica veloci sulle principali autostrade – immagini e suoni – notizie

Il Parlamento europeo vuole che la Commissione europea modifichi il suo piano per installare hub di ricarica rapida ogni 60 chilometri dalle strade principali. Il Parlamento vuole installare stazioni di ricarica sempre più veloci in questi hub.

a Regolamento riveduto per la diffusione di infrastrutture per combustibili alternativi L’UE vuole che gli Stati membri stabiliscano obiettivi per accelerare la diffusione della rete di ricarica per auto? La Commissione europea ha proposto di installare un hub di ricarica con una capacità totale di 300 kW e un caricatore rapido minimo di 150 kW sulle principali autostrade ogni 60 chilometri in entrambe le direzioni. Questo obiettivo dovrebbe essere raggiunto entro la fine del 2025. Dopo cinque anni, questa capacità totale dovrebbe essere di 600 kW con un caricatore rapido di almeno 150 kW.

Lui lei Il Parlamento europeo vuole Questo obiettivo è stato rafforzato. Rimarranno 60 km, solo ogni asse dovrebbe avere una capacità di 600 kW entro la fine del 2025 con un caricatore rapido di almeno 300 kW. Dopo cinque anni, dovrebbero essere rispettivamente 900 kW e 350 kW. Inoltre, se i veicoli elettrici diventano più popolari in uno Stato membro, per quanto riguarda il Parlamento, queste scadenze devono essere anticipate. Tuttavia, se la strada è meno congestionata, uno Stato membro può, con l’approvazione della Commissione, scegliere di installare un solo centro marittimo accessibile in entrambe le direzioni, come suggerito dal Parlamento. Un altro suggerimento è aumentare la distanza tra gli snodi merci, fino a 100 km, se la strada non è congestionata.

Inoltre, il Parlamento europeo vuole costruire più stazioni di idrogeno. La Commissione europea ha proposto punti di mobilitazione ogni 150 chilometri e il Parlamento vuole che siano 100 chilometri. E per quanto riguarda il PE, questo obiettivo dovrebbe essere raggiunto già entro il 2028, anziché nel 2031.

READ  Inoltre, Test Purchase avvisa della presenza di messaggi di phishing per conto di bpost e FPS Finance | L'interno

I parlamentari vogliono anche che le stazioni di ricarica e le stazioni di rifornimento di idrogeno siano accessibili a tutti i veicoli, indipendentemente dal produttore, e che mostrino il prezzo per kilowattora o chilogrammo. Vogliono anche avere un punto di accesso europeo entro il 2027 in cui siano determinati disponibilità, tempi di attesa e prezzi per diversi punti di rifornimento di idrogeno o punti di ricarica.

Negli emendamenti proposti dal Parlamento, il settore marittimo deve diventare più sostenibile più rapidamente. Ad esempio, le emissioni di gas serra delle grandi navi dovrebbero essere ridotte rispettivamente del 20 e dell’80 per cento dal 2035 al 2050. La Commissione europea ha proposto il 13 e il 75 per cento. Queste percentuali vengono confrontate con il 2020. Le società offshore che non raggiungono questi obiettivi dovrebbero essere multate per quanto riguarda i parlamentari. Il ricavato può quindi essere utilizzato per sviluppare una tecnologia a emissioni zero, tra le altre cose.

Associazione Costruttori di automobili ACEA… dice Siamo lieti del cambiamento della politica del Parlamento europeo, ma avvertono che gli investimenti privati ​​nel mercato delle stazioni di ricarica restano importanti. Secondo l’associazione, l’UE dovrebbe quindi facilitare il rilascio delle autorizzazioni e aumentare gli investimenti nella rete elettrica. Il Parlamento ora si dice pronto a negoziare con gli Stati membri. Tweakers ha recentemente scritto un articolo di base Sullo stato della rete delle colonnine di ricarica europee.