QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il partito del premier etiope vince quasi tutti i seggi

Il Welfare Party del primo ministro etiope in carica Abiy Ahmed ha vinto a larga maggioranza alle elezioni parlamentari del 21 giugno. Lo ha annunciato sabato la Commissione elettorale nazionale.

Nonostante il sanguinoso conflitto nello stato ribelle del Tigray, le elezioni parlamentari in Etiopia si sono svolte il 21 giugno, dopo essere state rinviate due volte. Il primo ministro Abiy Ahmed, vincitore del premio Nobel per la pace nel 2019, con il suo Welfare Party, spera di renderlo l’elezione più equa e democratica di sempre.

Ma diversi partiti di opposizione come l’Oromo Liberation Front (OLF) e l’Oromo Federal Congress (OFC) hanno boicottato le elezioni, in parte a causa dell’arresto dei candidati e del vandalismo degli uffici del partito. Di conseguenza, ora non è possibile votare in tre stati federali e anche in molte altre circoscrizioni, l’insicurezza rende impossibile andare alle urne.

Secondo la Commissione elettorale nazionale, il partito di Abi Ahmed ha vinto 410 seggi su 436. Quindi la strada per un nuovo mandato quinquennale da primo ministro è aperta. Nel suo discorso di vittoria, ha teso la mano ai leader dell’opposizione. “Queste elezioni non hanno portato a un vincitore oa un perdente, ma piuttosto una democrazia in cui viene posta una domanda e l’altra è ritenuta responsabile”, ha affermato.

Le Nazioni Unite hanno avvertito venerdì che la situazione umanitaria in Tigray è “significativamente peggiorata” per la popolazione civile nelle ultime settimane. “Una delle tendenze più preoccupanti è l’allarmante aumento dell’insicurezza alimentare e della fame a causa dei conflitti. Più di 400.000 persone muoiono di fame e altri 1,8 milioni sono sull’orlo della fame”.

READ  "Il governo Biden ha acconsentito alla vendita di armi a Israele per oltre 600 milioni di euro". Il conflitto israelo-palestinese