QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il partito di due mesi vince le elezioni in Bulgaria (grazie a un’affluenza storicamente bassa)

I bulgari hanno brutalmente colpito il sistema politico del loro paese. Nelle elezioni di domenica, il movimento “We Keep With Changes”, in vigore da meno di due mesi, è diventato dal nulla il più grande del paese. Ma i veri vincitori sono quelli che sono rimasti a casa: più di sei bulgari su dieci non hanno votato.

Secondo i risultati preliminari, il nuovo partito ha ricevuto il 26% dei voti. I sondaggi avevano previsto questo posto per il partito Gerb dell’ex primo ministro Boyko Borissov, primo ministro dal 2009 ad aprile di quest’anno, ma dovrebbe arrivare al 23 per cento. Sorprendentemente, il movimento etnico turco per la giustizia e la libertà è arrivato terzo con il 13%. I socialisti sono arrivati ​​deludenti quarti al 10%, in parte perché i sostenitori relativamente anziani sono rimasti a casa per paura del coronavirus e delle macchine per il voto. Un partito nazionalista, orientato verso la Russia, entra in Parlamento con oltre il 5 per cento dell’elettorato. Il suo leader nega la gravità del virus Corona.

“Ora è il momento di dimostrare che la Bulgaria ha intrapreso un percorso di cambiamento e che non si può tornare indietro”, ha affermato uno dei leader dei due partiti, Kirill Petkov, dopo che si è saputo che “continuiamo i cambiamenti” è diventato ancora maggiore. Il movimento è stato fondato dal ministro dell’Economia nell’attuale governo di transizione a settembre insieme al collega ministro delle finanze Asin Vasiliev. I due quarantenni, entrambi laureati alla prestigiosa università americana di Harvard e fino a poco tempo fa uomini d’affari di successo, sono diventati famosi per il loro messaggio anti-corruzione. Il ramo bulgaro del partito europeo Volt rientra nel movimento.

READ  Corona Fighters Club Chinese Pet Club a morte davanti alla telecamera

Ora sarà incaricato dal presidente di formare il governo. Non sarà facile: Petkov esclude i numeri due e tre, rendendo necessaria un’alleanza a quattro. Sarebbe unico per la Bulgaria. Date le differenze significative tra loro, i negoziati saranno difficili. (devozione)