QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il partner di Peter R. de Vries esce per la prima volta dall’anonimato: “Si poteva prevenire l’attacco”

Tahmina Akfi è giornalista e scrittrice. Ha lavorato per la radio pubblica olandese NOS e ha scritto due libri. Attualmente presenta programmi sul canale regionale Regenmond TV. Nel documentario, passa in rassegna le settimane e i giorni precedenti il ​​tentativo di omicidio del 6 luglio 2021. Ad esempio, la coppia è stata seguita più volte ad Amsterdam, mentre cercavano gioielli lì a causa dei loro progetti di matrimonio. “Stavamo lavorando al futuro, mentre il piano per finirlo era pronto”, dice la giornalista, con le lacrime agli occhi.

Akvi e de Vries hanno contattato le autorità dopo una delle cacce all’uomo il 28 giugno. “È stato sorprendente che questo sia stato segnalato alla polizia. Ma non è stato fatto nulla al riguardo. Niente. È stato solo dopo l’attacco che è uscito questo rapporto. Non riesco davvero a capire il fatto che ci fosse un rapporto che Peter R. de Vries , il consigliere confidenziale del testimone principale, se fosse stato perseguitato e non se ne fosse fatto nulla, allora tutti i campanelli d’allarme sarebbero dovuti suonare.

Leggi anche. Una settimana prima dell’attacco a Peter R. de Vries, la guardia ha ricevuto una soffiata sul sospetto: “Sembra che voglia fargli qualcosa”

Secondo Akefi, De Vries si sarebbe indignato per l’atteggiamento laconico delle autorità. Ad esempio, aveva un appuntamento con il Coordinatore Nazionale dell’Antiterrorismo e della Sicurezza, ma non gli era permesso parcheggiare in garage, quindi ha dovuto camminare per una lunga distanza lungo la strada. “Peter era arrabbiato”, dice Akfi. “molto pazzo. Ecco come gestiscono la mia sicurezza, Egli ha detto.”

La coppia si sposerà quest’anno

READ  La famiglia reale britannica distribuisce nuove foto di Kate Middleton nel giorno del suo 40° compleanno

All’inizio del documentario, Akfi parla dell’incontro con de Vries in un talk show pavone Nel 2015, dove tra i due c’era amore a prima vista. Akfi racconta quanto sia profondo l’amore tra di loro. “Mi ha scritto innumerevoli lettere. Anche dopo la sua morte ne ho trovate altre cinque”. Dice anche che ci sono stati progetti di matrimonio per giugno 2022. “Un modo carino e dignitoso per uscire dall’anonimato”, lo descrive lei stessa. “Ma questi piani ci sono stati portati via.”

(Leggi di più sotto il video)

Il creatore Simon Vuyk ha messo su una domenica mattina WNL domenica Ha già scoperto perché Akfi ha voluto rimanere anonimo per sei anni. “Uno dei motivi principali per lei era che non era stata accusata di aver usato Peter come carriola nella sua carriera. Era relativamente giovane, era nel pieno della sua carriera e voleva costruirsela da sola. L’ha fatto. “

De Vries e Akefi avevano già in programma di annunciare la loro relazione. “Tutto mirava al 2022″, afferma Vuyk. Anche per questo sta arrivando il documentario. Ho esitato molto a riguardo. Ma per lei è stato fondamentale: stavamo andando avanti insieme, quindi ora lo sto facendo da solo”. Un altro motivo importante è il fatto che vuole usare il suo diritto di parola la prossima estate. essere trattati in modo sostanziale nel mese di giugno.

povera comunicazione

Vuyk ha lavorato con De Vries per 31 anni e ha raccontato WNL domenica Ha trovato difficile vedere la questione come un giornalista obiettivo. “La tragedia è troppo grande”, ha detto. Peter è intervenuto nell’operazione Marengo principalmente per esporre il fallimento del governo fino a quel momento. Come uccidere questo fratello? Come avrebbe potuto essere ucciso anche il suo avvocato in seguito? Alla fine si ha la sensazione che la storia si sia ripetuta con lui”.

READ  Anche Katja Schuurmann è rimasta vittima di cattiva condotta: 'Avrei potuto fare 180 dichiarazioni' | spettacolo

Vuyk ha continuato la sua storia: “La comunicazione è stata pessima”. “Quando ci pensi, le lacrime sono scomparse e mi arrabbio all’istante incredibilmente. Peter ne ha parlato molte volte nel frattempo. Non hai interferito. Chiama, prendi appuntamenti e poi ottieni una risposta: Ti risponderò tra tre settimane. Poi ho capito che in un paio di mesi dovevi chiedere: Quando finiranno quelle tre settimane? Poi si arriva alla vita e alla morte, avendo già commesso due omicidi. Il Consiglio per la sicurezza olandese ha davvero bisogno di sollevare questo problema. Se così non fosse, non so cosa accadrà”.

Leggi anche. La banda che potrebbe essere stata dietro l’omicidio di Peter de Vries prende di mira anche il primo ministro Rutte: come opera questa banda?

Leggi anche. In fila con le lacrime agli occhi per salutare Peter R. de Vries: “Questa è l’ultima cosa che posso fare”