QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il parvovirus si diffonde e rappresenta un pericolo per le donne incinte

Il parvovirus si diffonde e rappresenta un pericolo per le donne incinte

I medici del Leiden University Medical Center (LUMC) stanno riscontrando un aumento “senza precedenti” del parvovirus. Questo è pericoloso per le donne incinte. Il virus può infettare i bambini non ancora nati, con il rischio di morte nel grembo materno.

Il parvovirus è noto in realtà per l’innocua malattia infantile che provoca: la cosiddetta quinta malattia. I bambini poi sviluppano macchie rosse sulla pelle. Ma il virus è meno dannoso per i feti delle donne incinte. Se non trattata può portare a gravi effetti sulla salute o addirittura ad un aborto spontaneo.

Così i medici di Leida hanno lanciato l’allarme. Non si sa esattamente quanti casi di parvovirus siano stati segnalati perché non esiste l’obbligo di denuncia della malattia. Ma c’è sicuramente un aumento significativo, non solo nei Paesi Bassi ma in tutta Europa.

Il picco più alto degli ultimi trent’anni

Quest’anno, il LUMC ha dovuto curare tredici donne incinte che avevano sviluppato infezioni. Quattro di questi 13 casi risalgono alla scorsa settimana e mezza. In confronto, solo poche donne necessitano di tale trattamento ogni anno. Un picco come questo non si verificava negli ultimi 30 anni.

La professoressa di ostetricia Monique Haack della LUMC ha espresso le sue preoccupazioni in una lettera inquietante LinkedIn. “Fortunatamente possiamo fornire alla stragrande maggioranza dei bambini colpiti trasfusioni di sangue salvavita, ma una piccola percentuale di loro è in cattive condizioni”.

La figlia di Samantha, Hope, morì prima della nascita di parvovirus:

“Un giorno hai dei libri indietro, il giorno dopo devi scegliere una scatola.”

Il RIVM attribuisce l’attuale aumento del numero di infezioni da parvo alla diminuzione del numero di infezioni durante il periodo del Corona. Dai dati dell’istituto di ricerca livello Il virus sembra già diffondersi più spesso. Ci sono anche più bambini con eruzioni cutanee.

Parvo non è contagioso come altri virus, come Corona. “La trasmissione richiede davvero un contatto intenso”, afferma Tjaling Lienstra, capo del coordinamento nazionale per il controllo delle malattie infettive presso il RIVM. “Esce dalla gola in goccioline. Di solito si diffonde all’interno delle famiglie, negli asili nido o nelle scuole”.

Secondo Lenestra le donne incinte non devono stare troppo attente. Ad esempio, possono semplicemente andare a prendere il loro bambino all’asilo. “Ma se una donna è stata in contatto con un bambino affetto dalla quinta malattia nelle prime 20 settimane di gravidanza, dovrebbe contattare la sua ostetrica o il suo medico di famiglia”.

Il parvovirus è noto anche come parvovirus canino. Sebbene abbia lo stesso nome, non esiste alcuna relazione tra questo virus e il virus che causa la quinta malattia negli esseri umani. La trasmissione dell’infezione dal cane all’uomo non è possibile.