QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il paziente Hans ha riacquistato la vita dopo un “semplice” trattamento per le vertigini

Hans, 49 anni, era seduto sul divano quando improvvisamente ha iniziato a girargli nella testa. Le vertigini sono durate mesi. Anche dopo una lunga ricerca, ha trovato un fisioterapista specializzato: “Sono rimasto stupito dalla semplicità del trattamento”.

“Ho avuto difficoltà a oscillare come se fossi ubriaco”. Hans Venerius non riusciva ancora a credere come il suo corpo fosse improvvisamente ceduto, e ora che era passato un anno “Tutta la mia stabilità è scomparsa ed è spaventoso. Come se qualcosa ti fosse passato per la testa, come se qualcosa si fosse rotto”.

vertigine

Pensa per un momento al peggio, un tumore al cervello per esempio, ma il suo medico lo rassicura subito al telefono. Sarebbe vertigine, forse il risultato del corona.

Due settimane dopo, Hans si sente ancora altrettanto male. Va dal suo medico. Si inclina e ruota gli esercizi con lui, il che li conferma nella diagnosi. Poi il fisioterapista lo aiuta con esercizi contro le vertigini, ma purtroppo: Hans non si sentirà meglio.

Hans Venereo

molto cupo

Quando visitò un otorinolaringoiatra tre mesi dopo, si scoprì che aveva un’infiammazione dell’apparato vestibolare. “L’otorinolaringoiatra ha immediatamente pensato a un virus e a un’infiammazione e l’ha testato. Si è scoperto che avevo un’insufficienza acuta del lato sinistro del 100 percento”.

Il medico ORL disse ad Hans che doveva muoversi molto, altrimenti c’era poco da fare. “Nel frattempo era già passato un altro mese. Ero di nuovo al lavoro, ma ci voleva un sacco di fatica per camminare dritto. Se non mi fissavo in un punto con l’occhio, viravo a sinistra. Ci voleva tanto energia che ero stanco la sera e non mi divertivo più un po ‘. Sono diventato così cupo. “

READ  I bambini delle madri durante la gravidanza sono ben immunizzati dal ricovero

Guarda anche

L’80 percento mi ha riavuto la vita

Attraverso un collega della moglie, Hans viene a conoscenza di un trattamento all’Hengelo da parte di due fisioterapisti che hanno avviato un centro per le vertigini. “In realtà non ci credevo molto, ma ho comunque preso un appuntamento”.

E sembra aiutare: “In primo luogo, mi sono stati somministrati esercizi molto semplici per stabilizzare il mio sguardo, il che significa che puoi allenare i tuoi occhi a rimanere in un migliore equilibrio. Sono rimasto stupito dalla loro semplicità. Dopo essere venuto quattro o cinque volte, ho riacquistato L’80 per cento della mia vita”.

Il 10% soffre di vertigini

Lo scorso maggio, i fisioterapisti Mike Hilferinck e Jeroen Weselkamp hanno iniziato a curare Twenty Dizziness. Lavorano con i medici ORL dell’ospedale ZGT di Almelo. Il Vertigo Center sembra essere necessario, poiché ha già curato oltre 200 pazienti con vertigini.

Questo numero non sorprende Mike Hilferinck. “Circa il 10 percento della popolazione soffre di vertigini. Pensiamo che al momento non ci sia abbastanza conoscenza delle opzioni di trattamento. Ed è quello che vogliamo assicurarci che sia sulla mappa per quest’area. Per alzarsi in piedi”.

Guarda la storia di Hans e il suo trattamento delle vertigini

Tempi di attesa lunghi

Secondo Hilferrink, non dovremmo sottovalutare l’effetto che possono avere le vertigini. “Più dura, più la paura prende piede. Le persone possono persino sviluppare disturbi d’ansia”. Ecco perché è anche importante che i pazienti vengano curati rapidamente.

E questo non è sempre possibile, ci sono centri rotanti con lunghi tempi di attesa. “Non può essere che qualcuno debba aspettare un anno per ottenere una diagnosi decente. Pensiamo che sia importante che le persone finiscano in una fase intermedia in una fase iniziale o almeno che i loro reclami vengano ascoltati. Quindi possiamo davvero iniziare il trattamento. “

READ  Fai attenzione ai "messaggi vocali" che mettono virus sul tuo smartphone

Più praticanti

Tjasse Bruintjes è professore con designazione speciale in otorinolaringoiatria presso l’Università di Leiden e lavora anche come medico ORL presso l’Apeldoorns Dizziness Centre, il centro nazionale di competenza nel campo delle vertigini. Scopre anche che i tempi di attesa sono spesso lunghi. “Vediamo circa 1.000 nuovi pazienti con noi ogni anno ad Apeldoorn e il tempo di attesa è di un anno”.

Bruintjes crede che ci saranno più guaritori. “25 anni fa non faceva molto caldo. Ora vedi una proliferazione di ambulatori e strade di cura. Non lo intendo in modo negativo, è fantastico per un paziente con le vertigini. È stato un gruppo trascurato per molto tempo Ma avverte: “Le persone possono prendere appuntamento con un terapeuta. È normale senza un rinvio, e non lo farei in caso di vertigini. Si consiglia prima di vedere uno specialista per chiarire esattamente cosa sta succedendo .”

Guarda anche

Vergogna

Hans non è ancora completamente uscito dai suoi sintomi di vertigine. Se cammina con gli occhi chiusi, ha una deviazione significativa a sinistra, mentre lui stesso crede di camminare dritto. Ma gli esercizi di stabilizzazione lo aiutano molto e questo è un sollievo. “C’era anche un senso di vergogna. Ho avuto molti problemi a oscillare come se fossi ubriaco. Non va bene camminare a zigzag. Questo ha un effetto sudato, non mi sento bene”.

Ora cammina meglio quando è ben concentrato. Questo sembra un mondo di differenza. “La mia autostima, il godimento della vita e la qualità della vita sono davvero migliorati molto grazie alle maniglie molto semplici che mi sono state date”.

READ  Trattamento delle malattie cardiovascolari con monitoraggio remoto