QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il pensiero serio avvelena la tua mente

Un nuovo studio rileva che il duro lavoro mentale è stressante perché porta a un accumulo di sottoprodotti tossici nel cervello.

I giocatori di scacchi devono affrontarlo e probabilmente dovrai affrontarlo dopo una lunga giornata di lavoro: esaurimento mentale. Preferiresti cadere sul divano e non pensare a niente. Ora sembra che questo fenomeno possa essere spiegato anche fisiologicamente. Gli scienziati del Brain Institute di Parigi e delle università della Sorbona guidati da Matthias Besiglione, Scoprire Pensare a lungo e intensamente avvelenerà un po’ la tua mente.

Leggi anche:

smistamento delle lettere

Per molto tempo, i neuroscienziati hanno creduto che la stanchezza mentale fosse un’illusione che il tuo cervello crea semplicemente perché vuole fare cose più divertenti. Ma gli attuali ricercatori volevano sapere se c’era una causa fisiologica. Sospettavano che la fatica provenisse dall’elaborazione di sottoprodotti tossici dell’attività cerebrale.

L’ipotesi è stata testata su 40 volontari. Queste persone sono state divise in due gruppi. Un gruppo ha dovuto fare un duro lavoro mentale per più di 6 ore. Questo lavoro consiste nell’ordinare i caratteri sullo schermo in vocali/consonanti o lettere maiuscole/minuscole, a seconda del colore. L’altro gruppo ha dovuto fare lo stesso, ma ha avuto più tempo e il cambio di colore è stato più lento.

accumulo di tossine

Durante la “giornata lavorativa” i partecipanti sono stati sottoposti a una tecnologia di scansione cerebrale a intervalli regolari Spettroscopia di risonanza magnetica (MRS) viene chiamato. Usando la MRS, alcune sostanze possono essere mappate nel cervello. Ad esempio, Bisiglione e colleghi hanno visto che la concentrazione del glutammato chimico nel cervello aumentava più velocemente nei pensatori seri che nei pensatori meno difficili.

READ  Cercasi collezionisti mobili per la settimana della raccolta MS | il ponte

glutammato È un neurotrasmettitore necessario per una corretta comunicazione tra le cellule cerebrali. Ma troppo agisce come un veleno, rallentando il cervello. Quindi deve essere pulito rapidamente prima che si accumuli.

detersione con glutammato

Il team di ricerca ora pensa che la stanchezza mentale sia una specie di segnale dal tuo cervello: “Lo taglierò, perché prima devo sbarazzarmi del glutammato tossico”. I pensatori seri erano più stanchi alla fine della “giornata lavorativa” per i livelli più elevati di fatica che riferivano. I ricercatori hanno anche notato più segni di affaticamento in questo gruppo, come una diminuzione della dilatazione della pupilla.

Dopo la giornata di lavoro, i partecipanti potevano anche scegliere tra vari premi. Ciò ha mostrato che i pensatori seri hanno scelto una ricompensa facile e veloce (come il trasferimento di denaro a loro) piuttosto che un premio che doveva aspettare più a lungo e causare maggiore incertezza (come una lotteria).

Secondo Bisiglioni e il suo team, ciò indica che il pensiero serio non ha solo una causa fisiologica (il riciclaggio di una sostanza potenzialmente tossica), ma influenza anche il processo decisionale. Quest’ultimo ha perfettamente senso; Devi sederti per un po’ per eliminare l’accumulo di glutammato.

Esperienza rinfrescante

“È piacevole vedere questi ricercatori tentare di determinare la loro associazione con dati misurabili dal cervello: attivazione cerebrale con fMRI e la quantità di glutammato con MRS”, afferma il neuroscienziato cognitivo Fren Smulders (Università di Maastricht). Inoltre, il loro modello teorico sembra essere messo insieme abbastanza bene. Anche i risultati delle misurazioni della pupilla supportano bene le loro argomentazioni. “

Dice che c’è un “ma”. “Come sottolineano gli stessi autori della pubblicazione, è difficile trarre conclusioni forti sulla causalità. Quindi: l’accumulo di glutammato è la vera causa della fatica o ne è una conseguenza? È forse un tentativo del cervello di compensare per stanchezza? Sarebbe una spiegazione completamente diversa, a parità di dati”.

READ  Iscriviti a un gruppo di lavoro che esamini la situazione della vitamina D

piedi in su

Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per trovare prove conclusive del fatto che una quantità eccessiva di neurotrasmettitore ti rende affaticato. Bisiglione spera che in futuro sarà possibile stimolare la produzione di glutammato e altri neurotrasmettitori. “Il prossimo passo è davvero manipolare direttamente la glutammina”, dice Smulders.

La conoscenza può quindi anche fornire nuove intuizioni sul trattamento del burnout che a volte sperimentano i lavoratori. Ma per ora, la vecchia ricetta dopo un pesante compito mentale è questa: solleva quelle gambe e riposa.

Fonti: biologia attualeE il Fare clic sulla cella tramite EurekAlert!