QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Pentagono: “La comunicazione satellitare Starlink non è l’unica opzione per le comunicazioni ucraine” | All’estero

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti è in trattative con Elon Musk sul costo delle stazioni Internet Starlink in Ucraina. Tuttavia, il Pentagono ha anche riferito che il collegamento satellitare del miliardario statunitense “non era l’unica opzione” per mantenere i contatti con il Paese assediato.

Musk ha dichiarato venerdì che la sua compagnia, SpaceX, non può più permettersi le migliaia di stazioni Starlink in Ucraina. L’uomo più ricco del mondo ha rivelato la scorsa settimana che l’operazione SpaceX era già costata 80 milioni di dollari e che si aspettava che l’importo superasse i 100 milioni di dollari entro la fine dell’anno.

SpaceX ha anche chiesto al Pentagono di finanziare l’uso di Starlink da parte del governo e dell’esercito ucraino. Il costo, secondo Musk, è di 120 milioni di dollari per il resto dell’anno e potrebbe salire a 400 milioni di dollari nei prossimi 12 mesi.

Un portavoce del ministero della Difesa ha affermato che stava indagando su quali “altre opzioni” fossero disponibili per mantenere in funzione le reti di telefonia mobile e le connessioni Internet dell’Ucraina.

Il consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Mishaglo Podoljak, ha risposto su Twitter venerdì. “Che ti piaccia o no, Musk ci ha aiutato nei momenti più pericolosi della guerra”, ha scritto dei 20.000 piatti Starlink consegnati. “L’Ucraina troverà una soluzione per far funzionare Starlink e presumiamo che l’azienda fornirà una connettività a banda larga stabile fino alla fine dei negoziati”.

Anche rivedere. Con questo razzo, Elon Musk vuole andare sulla luna: