QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il portavoce di Putin ammette: “Abbiamo subito grandi perdite” | Guerra tra Ucraina e Russia

Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo Vladimir Putin, ha ammesso in un’intervista allo Sky News britannico che il suo Paese ha subito “perdite significative” dall'”operazione militare” in Ucraina iniziata il 24 febbraio.

“Abbiamo subito grandi perdite, che è una grande tragedia per noi”, ha detto Peskov. Non ha fornito un numero esatto di vittime, ma la Russia aveva precedentemente riportato 1.351 morti. Il ministero della Difesa ucraino afferma che ce n’è di più e ha messo il numero a 18.900 oggi.

Peskov ha anche affermato che le forze russe si stavano ritirando da Kiev e Chernihiv per mostrare la loro “buona volontà” durante i negoziati. Sulla città assediata di Mariupol, ha detto che la città sud-orientale fa parte delle “repubbliche popolari” riconosciute da Mosca.

crimini di guerra

“Maripol sarà meglio liberato dai battaglioni nazionalisti il ​​prima possibile durante l’operazione”, ha affermato Peskov, che nega le accuse di crimini di guerra come l’attacco a un ospedale di Mariupol o l’uccisione di civili a Potia.

Il centro natale distrutto a Mariupol. © RV

Il portavoce chiede ancora “un’indagine veramente indipendente e obiettiva su tutti i reati”, ma prima di ciò è necessario definire quale forma dovrebbe assumere tale indagine. Secondo Peskov, di recente sono successe molte cose e la Russia non ne è stata coinvolta, come le atrocità ucraine contro i civili russi. Secondo lui, ci sono testimonianze oculari.

Peskov ha anche negato che qualsiasi adesione di Finlandia e Svezia alla NATO rappresenterebbe una “minaccia esistenziale”. La Russia dovrà rivalutare la situazione e difendere meglio il suo fianco occidentale. Helsinki e Stoccolma sono paesi tradizionalmente neutrali, ma dall’inizio della guerra in Ucraina più persone sono state favorevoli all’adesione.

Secondo Peskov, sanzioni severe non rappresentano una minaccia esistenziale. Dice che la Russia è abituata alle sanzioni da tempo e ha fatto i preparativi.

Germania e Ucraina intercettano le comunicazioni russe: “Uccidili tutti, maledizione! Civili, uccidili tutti!”

READ  Quattro persone ferite nella sparatoria a Washington: ucciso un pistolero | all'estero