QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il premio Nobel per la medicina aiuta a svelare il mistero del dolore – De Groene Amsterdammer

È stato annunciato la scorsa settimana che il Premio Nobel per la Medicina sarà assegnato all’americano David Julius e al libanese americano Erdem Patbutian. Hanno ricevuto un premio per la loro ricerca sulla percezione del freddo, del calore e del tatto da parte del corpo umano. I ricercatori del dolore sono entusiasti della selezione dei vincitori. Ad esempio, Andre Wolf, professore di anestesiologia presso l’Università di Groningen, ha scritto in un’e-mail: “È un meraviglioso riconoscimento e motivazione”.

Il dominio può utilizzare questo incentivo. Il dolore cronico colpisce circa il venti per cento della popolazione occidentale e costa molti soldi alla società. Ma altrettanto importante è l’entità della sofferenza umana che si nasconde dietro i numeri. Perché questa ricerca è così fondamentale per il dolore (cronico)?

David Julius ha utilizzato il peperoncino nella sua ricerca sulla percezione umana della temperatura. La capsaicina, il composto piccante che si trova nei peperoncini piccanti, ha un effetto simile a quello termogenico. Il pepe può farti sentire come se la tua bocca stesse bruciando. Usando questa proprietà, è stato in grado di esporre le cellule al “calore” senza effettivamente riscaldare le cellule, il che potrebbe causarne la rottura. In questo modo trovò il primo “recettore neurale” del calore. Un neurorecettore è un tipo di recettore di segnalazione che alimenta il nostro sistema nervoso e ci consente di rispondere a pericoli e cambiamenti.


St Bloimenc ha scritto prima: Dobbiamo affrontare il dolore cronico in modo molto diverso il verde. Leggi di più qui:


“Questa è una scoperta molto importante”, afferma Wolf. Altrettanto importante è che l’attività dei recettori neuronali viene trasmessa lungo i percorsi neurali al nostro cervello tramite stimoli elettrici utilizzando canali ionici di sodio. Perché insieme assicurano che siamo informati del pericolo, in modo che possiamo rispondere in modo appropriato per prevenire danni per sopravvivere. Il senso del tatto ci aiuta anche a sorseggiare premendo un dito per afferrare qualcosa. Questo è ciò su cui si è concentrata la ricerca di Patabotian. Ha scoperto il gene che era sensibile alla pressione e il canale ionico del sodio era completamente sconosciuto fino ad ora.

Con questa conoscenza dei recettori e dei canali ionici del sodio acquisita negli anni ’90, Sono stati sviluppati molti farmaci per ridurre il dolore. Tuttavia, molti farmaci spesso non funzionano o non funzionano in modo ottimale per le persone con dolore cronico. Inoltre, ci sono spesso spiacevoli effetti collaterali. Pensa agli oppioidi che creano una forte dipendenza.

André Wolff concentra la sua ricerca sul dolore cronico difficile da trattare: il dolore che dura più di tre mesi. Il sistema nervoso centrale sviluppa costantemente nuovi modelli e si adatta alle condizioni. A volte questi aggiustamenti sono indesiderabili, causando la “fuga” dell’apparato del dolore. Sappiamo che il dolore non è solo un sintomo di un danno nel corpo, ma anche una malattia in sé. Sono ancora necessarie molte ricerche per comprendere meglio il dolore in modo da poter sviluppare trattamenti migliori.

Il sistema nervoso centrale sviluppa costantemente nuovi modelli e si adatta alle condizioni. A volte questi aggiustamenti sono indesiderabili, causando la “fuga” dell’apparato del dolore. Puoi paragonare il sistema nervoso a un allarme che in alcuni casi è molto sensibile. La sveglia inizia a suonare con una leggera raffica di vento. Dopo aver verificato la presenza di un ladro un centinaio di volte, dovresti probabilmente andare a vedere se l’allarme stesso funziona già correttamente. Il dolore dopo non fu più un sintomo, ma divenne esso stesso una malattia, una malattia del sistema nervoso. Questo è esattamente ciò che riguarda la ricerca sul dolore cronico.

È stato scoperto che nel mondo occidentale il numero di pazienti che soffrono di dolore cronico è circa il venti per cento della popolazione, e negli Stati Uniti raggiunge il trenta per cento. “Ciò significa che ci sono persone che hanno una certa tendenza a sviluppare schemi scomodi”, afferma Wolf. “Penso che dovremmo guardare a questo punto di vista con la nostra ricerca: il venti percento è semplicemente troppo per essere un’eccezione”.

Sebbene il dolore cronico non sia stato considerato a lungo un argomento “eccitante” nel mondo medico, sembra che stia lentamente cambiando. I giovani medici sono spesso più aperti alla ricerca delle diverse dimensioni del dolore. Il dolore cronico è diventato anche un problema sociale di tale portata che non può più essere ignorato. Pertanto, assegnare il Premio Nobel a questi ricercatori non è solo un grande onore per gli scienziati, ma anche un passo importante per svelare il mistero del dolore (cronico).

READ  Aidsfonds in risposta alle osservazioni di Baudet: "L'HIV non discrimina" | interni