QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente Biden Joe vuole porre fine all’epidemia di HIV negli Stati Uniti entro il 2030

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden vuole porre fine all’epidemia di HIV negli Stati Uniti entro il 2030. Una nuova strategia nazionale deve affrontare l’HIV e l’AIDS.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden vuole porre fine all’epidemia di HIV negli Stati Uniti entro il 2030. Una nuova strategia nazionale deve affrontare l’HIV e l’AIDS. Lo ha annunciato mercoledì la Casa Bianca in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS.

La pandemia di coronavirus ha influito negativamente su tutti gli aspetti della lotta all’HIV e all’AIDS, dalla prevenzione alla cura e alla ricerca. Quindi gli Stati Uniti vogliono fare di più per combattere la malattia. Anche il predecessore di Biden, Donald Trump, si è impegnato in precedenza a “eliminare” l’epidemia di HIV nel paese entro la fine di questo decennio.

Secondo recenti stime del Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie, alla fine del 2019 quasi 1,2 milioni di americani vivevano con l’HIV. Nello stesso anno, a 36.801 persone è stato diagnosticato l’HIV. Secondo il rapporto, il tasso di diagnosi è diminuito del 9% tra il 2015 e il 2019.

L’HIV danneggia il sistema immunitario. Questo rende difficile per il corpo combattere gli agenti patogeni. L’infezione è possibile attraverso il sangue e lo sperma, tra gli altri. Se l’infezione da HIV non viene riconosciuta e curata in tempo, si sviluppa l’AIDS. Oggi i farmaci possono impedire al virus di moltiplicarsi nel sangue.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden vuole porre fine all’epidemia di HIV negli Stati Uniti entro il 2030. Una nuova strategia nazionale deve affrontare l’HIV e l’AIDS. Lo ha annunciato mercoledì la Casa Bianca in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS. La pandemia di coronavirus ha influito negativamente su tutti gli aspetti della lotta all’HIV e all’AIDS, dalla prevenzione alla cura e alla ricerca. Quindi gli Stati Uniti vogliono fare di più per combattere la malattia. Anche il predecessore di Biden, Donald Trump, si è impegnato in precedenza a “eliminare” l’epidemia di HIV nel paese entro la fine di questo decennio. Secondo recenti stime del Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie, alla fine del 2019 quasi 1,2 milioni di americani vivevano con l’HIV. Nello stesso anno, a 36.801 persone è stato diagnosticato l’HIV. Secondo il rapporto, il tasso di diagnosi è diminuito del 9% tra il 2015 e il 2019. L’HIV danneggia il sistema immunitario. Questo rende difficile per il corpo combattere gli agenti patogeni. L’infezione è possibile attraverso il sangue e lo sperma, tra gli altri. Se l’infezione da HIV non viene riconosciuta e curata in tempo, si sviluppa l’AIDS. Oggi i farmaci possono impedire al virus di moltiplicarsi nel sangue.

READ  Groen vuole colmare il divario di protezione tra lavoro permanente e temporaneo - Belgio