QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente bielorusso Lukashenko vuole evitare che la crisi migratoria si trasformi in uno scontro | All’estero

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato di non volere che la crisi migratoria al confine con la Polonia si trasformi in uno scontro con i suoi vicini europei. L’Unione europea accusa il regime bielorusso di adescare le persone al confine polacco con menzogne.




“La cosa più importante oggi è difendere il nostro paese e il nostro popolo ed evitare scontri”, ha detto Lukashenko all’agenzia di stampa statale Belta. Non dobbiamo lasciare che questo problema si trasformi in uno scontro infuocato.

Si dice che migliaia di migranti siano bloccati in una terra di nessuno tra le forze di sicurezza bielorusse e il confine polacco. Secondo le autorità polacche, il numero di immigrati dalla parte bielorussa vicino alla città di Koznica è in costante aumento. Secondo la polizia, ora ci sono circa 3.500 persone. Stanno allestendo un campo tendato. Tuttavia, le informazioni sono difficili da controllare, poiché i governi bielorusso e polacco tengono a distanza giornalisti e operatori umanitari.

L’Unione europea accusa il regime bielorusso di adescare le persone al confine polacco con menzogne. Lukashenko nega di consentire a persone provenienti dall’Afghanistan e dal Medio Oriente di entrare in Bielorussia e trasportarle in modo ordinato alle frontiere esterne dell’Unione europea.

Lunedì, il cancelliere tedesco uscente Angela Merkel aveva già chiamato Lukashenko per discutere della questione. Il presidente francese Emmanuel Macron ha avuto una lunga conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin, che sostiene politicamente Lukashenko.

© AP

AP

© AP

tramite Reuters

© via Reuters

READ  Il medico legale rilascia il corpo di Gabi Pettito: la famiglia del Wyoming rivendica i suoi resti | All'estero