QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è impegnato a ripristinare il diritto all’aborto se i democratici vinceranno le elezioni di medio termine

La sentenza Roe v. Wade è stata una pietra miliare nella lotta per l’aborto negli Stati Uniti. La sentenza è stata considerata la più importante giurisprudenza negli Stati Uniti in materia.

Nel 1969, Norma McCorvey, 25 anni, del Texas, incinta del suo terzo figlio, voleva abortire. Tuttavia, l’interruzione della gravidanza era vietata in tutte le circostanze in Texas all’epoca, quindi McCorvey fece causa allo stato. McCorvey voleva abortire perché la sua gravidanza era il risultato di uno stupro.

Il caso si chiamava “Roe v. Wade”: a McCurvey fu dato uno pseudonimo anonimo Jane Roe, a cui Wade si riferisce Procuratore distrettuale Dalla contea di Dallas, Henry Wade, rappresentante legale dello Stato del Texas.

McCorvey ha perso la causa e ha dato alla luce una ragazza che ha dato in adozione. Ma in seguito ha impugnato la sentenza, fino alla Corte Suprema. Ha stabilito nel 1973 che la legge sull’aborto del Texas era incostituzionale e violava la privacy di una donna. In questo modo, da quel momento in poi, l’aborto è diventato un diritto per tutte le donne negli Stati Uniti. Da allora, gli stati non sono stati autorizzati a vietare l’aborto fino a quando il feto non è vitale, che è di circa 24 settimane.

Ora che la Corte Suprema ha respinto Roe v. Wade all’inizio di quest’anno, tutti gli stati degli Stati Uniti avranno la completa libertà di emanare le proprie leggi sull’aborto. L’aborto è già vietato in 16 stati.