QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente della BCE Lagarde promette un approccio duro all’aumento dell’inflazione | Economia

La Banca centrale europea (BCE) promette di fare tutto il possibile per contrastare l’elevata inflazione nell’Eurozona. Secondo la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, la banca centrale “andrà il più lontano possibile”. Anche l’inflazione rimarrà “indesiderabile alta” per il prossimo futuro.

Lo ha detto Lagarde in una riunione della Banca centrale europea a Sintra, in Portogallo. La Banca centrale europea alzerà i tassi di interesse per la prima volta in oltre un decennio in occasione della riunione politica del prossimo mese, probabilmente di un quarto di punto percentuale.

L’inflazione dell’Eurozona ha raggiunto un record dell’8,1% a maggio, trainata principalmente dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari a causa della guerra in Ucraina. Lagarde afferma che l’inflazione elevata è una sfida importante e che la Banca centrale europea farà tutto il possibile per garantire che l’inflazione si stabilizzi verso l’obiettivo del 2% nel medio termine. Ciò non esclude un aumento più forte dei tassi.

Lagarde ha affermato che gli attuali livelli di aumento dei prezzi delle materie prime industriali e agricole non sono stati visti dagli anni ’80 e che le pressioni inflazionistiche si stanno ampliando e ampliando. Inoltre, l’elevata inflazione grava sul potere d’acquisto delle famiglie e la “perturbazione economica” porta a una crescita debole.

nessuna stagnazione

La Banca Centrale Europea non crede che l’economia dell’Eurozona finirà in recessione. Si attendono ancora numeri positivi. La banca aveva affermato in precedenza che non si aspetta che l’area dell’euro vivrà un periodo di stagflazione come negli anni ’70. La stagflazione si verifica quando la crescita economica rallenta e l’inflazione aumenta rapidamente.

READ  Abbiamo chiesto ad Action i piani futuri della Spagna

Venerdì verranno pubblicati nuovi dati sull’inflazione per i paesi dell’euro. Gli economisti generalmente prevedono un aumento dei prezzi al consumo dell’8,5% a giugno rispetto all’anno precedente. Quindi questo sarà un nuovo record.

Per anni, la Banca centrale europea ha mantenuto una politica monetaria flessibile con tassi minimi e persino un tasso di deposito negativo da un lato e un programma di acquisto di attività multimiliardario dall’altro per sostenere l’economia. Quel periodo, in cui il prestito di denaro era a buon mercato a causa delle azioni della Banca centrale europea, sta volgendo al termine. L’inflazione in aumento e in continua crescita sta spingendo la Banca centrale europea a interrompere i suoi programmi di acquisto di attività e ad aumentare i tassi di interesse. Tutto ciò calmerebbe l’economia e smorzerebbe la crescita dell’inflazione. Prendere in prestito denaro sta già diventando più costoso.

Alla riunione della Banca centrale europea del 9 giugno, Lagarde ha già impostato la rotta. L’istituto prevede di aumentare i tassi di interesse di 25 punti base a luglio, il primo rialzo dei tassi dal 2011. Un altro passo, forse più significativo, dovrebbe seguire a settembre, dopodiché i tassi di interesse continueranno a salire. Il tasso di interesse principale della zona euro, il tasso di rifinanziamento, è a zero da marzo 2016. Le banche che desiderano depositare denaro presso la Banca centrale europea devono pagare una penale dello 0,5%. Il vertice della Banca centrale europea si riunirà nuovamente il 21 luglio per la riunione di politica monetaria.