QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente della Commissione chiede scuse per il passato coloniale e nessun compenso | interno

Nessun compenso, ma una chiara condanna del nostro sistema coloniale e scuse dalla sala. Lo afferma la bozza di relazione finale preparata da Wouter de Vriendt, presidente della commissione speciale della Camera che ha passato mesi a studiare il nostro passato coloniale.

La commissione ha organizzato un gran numero di udienze. Sono state esaminate almeno 144 persone e organizzazioni. I lavori saranno completati alla fine di quest’anno. Ciò significa che la relazione e le raccomandazioni della commissione devono essere votate a dicembre. La bozza di testo con cui de Vriendt ora si rivolge alle altre fazioni è il “massimo comune denominatore” che ha raccolto dalle conversazioni precedenti.

Ci sono non meno di 128 raccomandazioni. Vanno molto larghi. Ma il capitolo politicamente più carico è quello sulla ripresa simbolica. I compensi non sono inclusi nelle raccomandazioni. Inoltre non si tratta di colpa o colpa individuale, ma della responsabilità collettiva di perseguire il recupero.

sfruttamento e controllo

Tuttavia, de Vrient propone che la Camera condanni il sistema coloniale in Congo, Ruanda e Burundi come basato sullo sfruttamento e sul controllo. Anche la Camera dovrebbe scusarsi, visto che molti belgi hanno dato il massimo.

Suggerisce che anche l’esecutivo, cioè il re e il governo, compia passi simili verso una restaurazione simbolica dopo un processo ben ponderato. La stessa raccomandazione vale anche per chiese, imprese e organizzazioni private.

uno sguardo. Re Filippo ha espresso il suo rammarico in Congo la scorsa estate, ma non ha usato la parola “scuse”.

Molta attenzione è rivolta allo spazio pubblico nella proposta. Alcuni anni fa Si riaccese la polemica sui nomi delle strade e sulle statue di Leopoldo IIe questo alla luce dello slancio del movimento Black Lives Matter e delle manifestazioni contro il razzismo, ma anche in occasione del 60° anniversario dell’indipendenza del Congo.

READ  Centinaia di migliaia di persone senza elettricità sulla costa orientale degli Stati Uniti Weather News

De Vriendt sostiene che i riferimenti coloniali come la glorificazione del periodo coloniale suscitano resistenza. Secondo lui, non è compito della commissione dire a una città oa un comune che una particolare statua debba scomparire o rimanere. Ogni caso dovrebbe essere trattato individualmente, ma in ogni caso dovrebbe esserci almeno spazio per il contesto o la contraddizione. In questo senso, propone di dare un’interpretazione dei ritratti e dei dipinti dell’ex re presenti nella stanza.

Il capo della commissione chiede di pensare al folklore perché si sviluppi e sia spogliato di ogni contenuto razzista. Ciò include la discussione Zwarte Piet, ma anche le marce cerimoniali, per esempio. Un altro punto di interesse è la lotta al razzismo a scuola e nelle forze dell’ordine. Intanto vedeva la luce anche la legge per disciplinare la restituzione degli oggetti coloniali. De Vriendt propone anche di studiare il ritorno dei resti umani.

Contanti

La sua bozza di testo contiene una serie di raccomandazioni, ma secondo De Vriendt il rapporto non dovrebbe essere il punto di arrivo. “La guarigione delle ferite richiede tempo. Non spetta ai politici decidere quando verrà raggiunto il punto finale”, afferma. Capisce anche che un simile esercizio sarà sempre oggetto di critiche. Ciò che va lontano potrebbe non andare abbastanza lontano per un altro.


citazioni

Se prevale il desiderio di profilazione, l’accordo non sarà possibile

Wouter de Vriendt, Presidente del Comitato

Durante la performance, de Vriendt ha anche identificato il “contesto politico molto difficile” in cui era attivo il comitato. Ha parlato di una “enorme spinta alla profilazione” che di tanto in tanto alzava la testa. In tal modo, de Vriendt ha citato la “frequente inquadratura sulle riparazioni che non corrispondono alla realtà”, così come il viaggio compiuto dalla commissione nelle ex colonie e la “battaglia culturale che infuria sul nostro passato coloniale”.

De Vriendt chiama quindi il suo articolo il massimo comune denominatore. “Se il desiderio di profilazione prende il sopravvento, l’accordo non sarà possibile”, ha detto. Ma pensa che sia politicamente possibile “se ci sono abbastanza partiti che vogliono raggiungere un accordo”.

La relazione degli esperti della Commissione del Congo mostra che resta ancora molto lavoro da fare

Esperti sul lamento di re Filippo in Congo: “Con questo discorso sono stati fatti i primi passi, ma non voltare pagina troppo in fretta”