QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente Joe Biden è pronto a difendere militarmente Taiwan dall’attacco cinese

Biden ha rilasciato la sua dichiarazione in una conferenza stampa a Tokyo, dove è in visita di stato. Secondo lui, il dovere di difendere Taiwan è diventato “più grande” dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Washington invia miliardi di equipaggiamenti militari in Ucraina, ma non invia soldati. Alla domanda se sarebbe stato disposto a farlo in caso di invasione di Taiwan, Biden ha risposto “sì”. “Questo è l’impegno che abbiamo concordato”.

Biden ha anche affermato di non essere contrario all’unificazione di Taiwan e Cina, ma che non dovrebbe in alcun modo avvenire attraverso un intervento militare. “Ciò destabilizzerebbe l’intera regione, proprio come sta accadendo in Ucraina”.

Un portavoce del presidente ha ammorbidito le sue parole poco dopo, dicendo che gli Stati Uniti si erano impegnati a fornire supporto militare in modo che Taiwan potesse difendersi.

Gli aerei cinesi hanno recentemente volato vicino a Taiwan e il mese scorso l’esercito cinese ha condotto esercitazioni militari vicino alla nazione insulare. Il ministero degli Esteri di Taiwan si è detto soddisfatto del sostegno di Biden. Taiwan afferma che continuerà a investire massicciamente nell’esercito, insieme a Giappone e Stati Uniti, per garantire la sicurezza dell’isola.

Cina: non sottovalutare mai il nostro impegno

La Cina ha risposto oggi alle parole di Biden dicendo che il presidente degli Stati Uniti non dovrebbe sottovalutare l’impegno della Cina. “Nessuno dovrebbe sottovalutare la dedizione, la forza di volontà e la forte capacità della Cina di difendere la sovranità nazionale”, ha affermato un portavoce del ministero degli Esteri.

La Cina non riconosce Taiwan come paese separato e lo considera parte della Cina. Nel 1949 i capi della Cina, espulsi dai comunisti, fuggirono nell’isola e fondarono la Repubblica Cinese (Taiwan).

READ  I dipendenti del governo degli Stati Uniti ricevono un salario minimo superiore