QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente Trump voleva dichiarare brogli elettorali | Notizia

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump voleva che il Dipartimento di Giustizia dichiarasse “ingiuste” le elezioni presidenziali dello scorso anno. Il giornale ha affermato di aver sperato con questo passo senza precedenti di annullare la sua sconfitta alle elezioni New York Times.




“Dì solo che le elezioni sono state truccate e lascia il resto a me”, si dice che il repubblicano abbia detto in una conversazione telefonica con il procuratore generale Jeffrey Rosen e il suo vice, Richard Donoghue alla fine di dicembre. La risposta di Trump alla dichiarazione di Donoghue è stata che il suo dipartimento non poteva cambiare l’esito delle elezioni. Trump ha persino minacciato di sostituire Rosen.

Una commissione parlamentare ha rilasciato pubblicamente la trascrizione della telefonata dopo New York Times potrei citarlo. Queste sono note scritte a mano da Donoghue. Il Parlamento sta indagando sui tentativi di Trump di screditare e persino invertire le elezioni.

La commissione ha ottenuto il testo di Donoghue dal Dipartimento di Giustizia. Di solito, il governo non fornisce al Parlamento feedback sulle discussioni del presidente con i membri del suo governo. In questo caso, il Dipartimento di Giustizia del presidente democratico Joe Biden ha rinunciato alla riservatezza, citando potenziali abusi di un ex presidente come persona. Non è una misura del governo che vale la pena proteggere, secondo il New York Times su questa considerazione.

Dopo le elezioni del 3 novembre, Trump ha parlato di “frodi elettorali di massa” e ha fatto pressioni sui funzionari elettorali, ad esempio in Georgia. Tuttavia, decine di tribunali hanno respinto le accuse di presunta frode.

READ  L'India geme sotto la drammatica seconda ondata di COVID-19: come è la situazione fuori controllo?

Dichiarazione dei redditi del Parlamento

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti stabilisce che le autorità fiscali devono consegnare le dichiarazioni dei redditi dell’ex presidente Donald Trump al Congresso (Congresso). Questa è una mossa a cui Trump ha resistito a lungo.

Un comitato della Camera dei Rappresentanti, la Camera dei Rappresentanti, aveva richiesto i commenti di Trump. Secondo la Giustizia, ci sono “motivi sufficienti” per ottemperare alla richiesta. Ciò riflette una decisione precedente.

Nel 2019, sotto la presidenza Trump, si sosteneva che i documenti non dovessero essere presentati. Era perché il comitato non era onesto sul motivo per cui chiedeva informazioni. I Democratici alla Camera perseguono da anni la dichiarazione dei redditi. Trump, a differenza dei precedenti presidenti, non lo ha annunciato.

La presidente della Camera dei Democratici Nancy Pelosi ha accolto con favore la nuova decisione e ha descritto l’accesso alle dichiarazioni dei redditi come una “questione di sicurezza nazionale”. “Le persone meritano di conoscere i fatti sui preoccupanti conflitti di interesse di Trump e che minano la nostra sicurezza e democrazia come presidente”.