QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il primo calcestruzzo riciclato su larga scala destinato alla meccanica delle murature… (Mechelen)

Revive, lo sviluppatore del progetto dietro Komet, ha sostenuto per diversi anni un forte motivo per costruire l’area residenziale più sostenibile di Mechelen sul sito di un’ex fabbrica di barili. Le pompe di calore vengono utilizzate per riscaldare 320 appartamenti e case nella nuova area della città di Koningin Astridlaan, senza l’uso di combustibili fossili. Lo sviluppatore installerà più di 2.000 metri quadrati di pannelli solari sul tetto. L’intera area residenziale sarà inoltre di circa 1,5 ettari di verde.

I fratelli Eric e Kurt Jacobs creano il primo prodotto nel nostro paese con cemento riciclato su scala industriale. © Dirk Vertumen

“Il tempo delle promesse è finito”

Revive vede anche del potenziale nel processo di produzione circolare di Jacobs Beaton. “Alla recente conferenza sul clima di Glasgow ci sono state ancora molte discussioni e un po’ di azione. Il tempo delle promesse è finito, è tempo di agire”, afferma Alexander Huyge, CEO di Revive. “Diamo grande importanza all’innovazione, perché è così che fai la differenza”, afferma.

Il Flemish Building Consortium (VCB) sottolinea che questo approccio è innovativo. “L’utilizzo di granuli su così vasta scala è innovativo”, afferma il direttore generale Mark Dillin. La prima fase del progetto Comet, valida per 128 unità abitative, dovrebbe essere pronta entro la fine del 2022. Jacobs Beton fornisce circa cinquemila metri cubi di calcestruzzo dai suoi stabilimenti di Sint-Katelijne-Waver e Hemiksem.

Sono in costruzione i primi edifici circolari in cemento del Comet.

Sono in costruzione i primi edifici circolari in cemento del Comet. © Dirk Vertumen

L’azienda di famiglia ha ricevuto l’approvazione del cosiddetto Benor. Di conseguenza, il nostro calcestruzzo circolare non è più legato a un progetto specifico. Poiché non dobbiamo più testare e approvare il calcestruzzo per ogni progetto, possiamo distribuirlo su scala industriale”, afferma Kurt Jacobs (49).

Riciclaggio di macerie di cemento

Con suo fratello Eric, 52 anni, gestisce l’azienda di famiglia che esiste dal 1934. “Dieci anni fa, abbiamo iniziato a studiare se potevamo riciclare le macerie di cemento e riutilizzarle in nuovo cemento”, afferma Kurt Jacobs. In questo modo, l’azienda può controllare la qualità stessa. “Siamo responsabili del riciclaggio e della produzione del calcestruzzo. Alcuni anni fa abbiamo scoperto e adottato granuli di alta qualità. Ora lo stiamo trasformando in calcestruzzo”.

Jacobs è lieto di aver potuto collaborare con Revive, la società di consulenza VK Architects & Engineers e l’appaltatore Democo per sviluppare i loro prodotti. “Tutte queste persone erano disponibili a lasciarci eseguire i test sul calcestruzzo, perché volevano che il progetto fosse sostenibile. Sostituiamo il 30% dei nostri granuli naturali con granuli riciclati”, spiega Jacobs.

Impressione del nuovo quartiere cittadino.  La prima fase sarà completata alla fine del 2022.

Impressione del nuovo quartiere cittadino. La prima fase sarà completata alla fine del 2022. © Revival

I partner del progetto lo definiscono un traguardo da non sottovalutare. L’uso dei materiali nel settore delle costruzioni è responsabile dal cinque al dieci percento delle emissioni globali di anidride carbonica e almeno del 30 percento di una montagna di rifiuti. “Possiamo finalmente fare qualcosa al riguardo, senza sacrificare la qualità e la forza del calcestruzzo”, afferma Alexandre Huyghe di Revive.

“Non si ferma qui.”

Nella zona residenziale sono ancora in costruzione i primi edifici in calcestruzzo riciclato: nelle fondazioni, nei muri, nelle travi e nei solai. “Ci sono ancora alcune limitazioni, ma questo è per il futuro. Non si ferma qui, ma il primo passo è stato fatto”, afferma Kurt Jacobs.

Per la costruzione di Komet sono necessarie 1500 tonnellate in meno di pellet di cemento naturale. “In questo modo evitiamo di dover guidare 50 grandi camion dalle cave in Vallonia al nostro cantiere”, spiega il CEO di Revive. Ciò equivale a 7.500 chilometri di trasporto pesante. “Questa è una buona cosa per le nostre emissioni di anidride carbonica e per le nostre strade congestionate. Stiamo anche lavorando per ridurre le demolizioni e i rifiuti di montagna nel nostro paese”, afferma Huegui.

READ  La volatile Wall Street finisce in verde