QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il primo ministro neozelandese prende le distanze da Harry e Meghan nonostante sia apparso nel trailer della loro serie di documentari: “Non lo so” | Re

ProprietàIl primo ministro neozelandese Jacinda Ardern (42) è rimasta scioccata quando è apparsa lunedì nel trailer di “Live To Lead”, l’ultimo progetto Netflix del principe Harry (38) e Meghan Markle (41). Il politico non sapeva affatto che la serie di documentari a cui ha partecipato fosse stata prodotta dalla coppia. “Non ho comunicato direttamente con loro”, si legge in una dichiarazione.

La serie di documentari in sette parti “Live To Lead”, in anteprima il 31 dicembre su Netflix, si concentra su alcuni leader ispiratori che hanno fatto la differenza nella vita degli altri. Pertanto, la serie non riguarda gli stessi Harry e Meghan, sebbene la coppia sia presente in primo piano nel trailer, che il servizio di streaming ha rilasciato lunedì. Le foto mostrano anche discorsi e interviste dell’attivista per il clima Greta Thunberg e del primo ministro neozelandese Jacinda Ardern, tra gli altri. Harry e Meghan stanno producendo la serie in associazione con la Nelson Mandela Foundation.

Guarda. Ecco il trailer di “Live To Lead”:

Dato che la Ardern ha ricevuto così tante domande sul trailer, ha deciso di mettere la i e la t in una dichiarazione. Ad esempio, il politico afferma di non sapere che Harry e Meghan fossero le forze trainanti della serie. Nel marzo 2019, il Primo Ministro è stato contattato per la prima volta dalla Nelson Mandela Foundation per prendere parte a un progetto per ispirare i giovani leader di tutto il mondo. Sarà intervistata per circa un’ora. Inizialmente, la partitura verrà utilizzata nei libri e negli audiolibri. La conversazione alla fine ha avuto luogo l’8 novembre 2019. Un anno dopo è stato pubblicato un opuscolo basato sull’intervista. Il primo ministro non è stato informato dell’accordo che la Nelson Mandela Foundation aveva con Netflix fino a marzo 2021. Ad Ardern è stato poi detto che l’intervista sarebbe stata disponibile anche sul servizio di streaming. Solo a maggio di quest’anno ho saputo che Harry e Meghan avrebbero presentato la serie, più di 2 anni e mezzo dopo la loro intervista originale. Inoltre, non era a conoscenza del fatto che agissero come produttori della serie. Il Primo Ministro non ha avuto contatti diretti con Harry e Meghan a riguardo”.

READ  Qualcuno dice addio ai "vicini" dopo 35 anni

Secondo i critici, la coppia non ha nulla a che fare con il contenuto della serie. “Allora hanno semplicemente aggiunto il loro nome, perché hanno appena concluso un accordo da un milione di dollari con Netflix”, appare tra l’altro sul Daily Mail. La partecipazione di Ardern è delicata anche perché il re Carlo della Gran Bretagna è anche il capo di stato ufficiale della Nuova Zelanda. Così il politico non può schierarsi nel dramma familiare inscenato alla corte britannica.

Leggi anche:

Harry e Meghan pubblicheranno un nuovo documentario su Netflix il 31 dicembre, questa volta sui leader ispiratori

“La odio”: la colonna controversa di Jeremy Clarkson su Meghan Markle decolla online su sua richiesta