QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il processo a Bart de Pauw inizia la prossima settimana: Farrouk risponde a tutte le vostre domande nel VTM NIEUWS Special | interni

Il processo a Bart de Pauw è iniziato mercoledì 13 ottobre. Almeno nove donne hanno intentato cause civili contro il produttore televisivo per molestie elettroniche. Ma non c’erano più donne? Vedrai attrici famose? Perché è venuto a soddisfare adesso? E quando è previsto il giudizio? Il giornalista di corte Faroek Özgünes risponde a tutte le domande nel VTM News Special sul caso De Pauw: guardalo sopra.


Bambino


Ultimo aggiornamento:
12:40


Fonte:
Notizie VTM




Come hai iniziato?

“Dopo quasi quattro anni, il processo può quasi iniziare. Due giorni sono stati riservati per questo”, ha detto Farock a VTM Nieuws. “E poi sentiremo cosa hanno da dire entrambe le parti”. Nel novembre 2017, la palla ha iniziato a girare dopo un videomessaggio registrato da Bart De Pauw. De Pauw è stato licenziato dalla VRT dopo che diverse donne lo hanno accusato di violazione del comportamento. Poi l’ex CEO di VRT Paul Lembrechts ha detto che si trattava di “centinaia di messaggi di testo, che non erano solo flirt ma spesso contenevano anche contenuti sessuali e pornografici”.

Di Pauw ha detto un giorno dopo il suo videomessaggio di non essere a conoscenza di alcun danno. In risposta alle dichiarazioni dei media, il procuratore generale di Mechelen ha avviato un’indagine giudiziaria e sta conducendo una ricerca sulla VRT. Questo alla fine porta a un processo penale per stalking e molestie elettroniche di tredici donne.

L’udienza preliminare si è svolta nel gennaio di quest’anno ed è stato annunciato che quattro delle tredici donne si erano presentate: Liz Ferrin, Ella John Henard, Mike Kavmayer e Lisa Nairt. Li difende l’avvocato Christine Moussi. Di Bao ha risposto in quel momento: “Tutto di me è stato pubblicato per tre anni”. “Sono contento che il processo possa finalmente iniziare, perché ora posso raccontare la mia storia”. Il processo inizierà effettivamente mercoledì 13 ottobre.

READ  Il crowdfunding per i perdenti è iniziato con "Huismade" e Harry e Jerina hanno già raggiunto più di € 50.000 Instagram HLN

C’è stata una conversazione tra VRT e De Pauw?

“All’epoca dello scandalo MeToo a Hollywood, VRT ha distribuito un comunicato stampa in cui affermava che le donne che avevano subito il comportamento illecito potevano denunciarsi. Due attrici fiamminghe, Mike Kavmayer e Lysa Naert, hanno risposto a quel messaggio. È stato contattato un consulente per la prevenzione che ha confermato di poter raccontare la loro storia in forma anonima”.

“Fu preparato un rapporto, che arrivò ai Lembrecht. Il 2 novembre chiamò De Pauw e sua moglie. Lì consegnò freddamente una lettera per porre fine alla collaborazione. Cinque giorni dopo, ci fu un’altra conversazione in cui De Pauw e sua moglie avevano già ricevuto qualche ulteriore spiegazione. Si tratta delle lettere che sono state inviate, ma VRT non ha voluto tornare indietro. De Pauw ha scelto il volo successivo e ha distribuito lui stesso un video in cui spiegava il suo punto”.

Cosa è emerso dalla ricerca di De Pauw?

“Durante le ricerche sul VRT, è stata presa la famigerata busta contenente le dichiarazioni delle attrici Mike Kavmeyer e Lisa Nairt. Diverse vittime in seguito si sono fatte avanti. Si dice che siano state reclutate nel campo di De Pauw”.

Dopo gli accertamenti, la Camera di Consiglio ha deciso di adire il tribunale. C’erano tre classi di donne in quel momento. Il Pubblico Ministero ha ritenuto che non vi fosse alcuna base per perseguire alcuni di loro. Poi ci sono altre tre donne sulle quali non sono state trovate prove sufficienti per essere processate. Sono rimaste 13 donne: 4 hanno scelto di non essere identificate e 9 si sono iscritte come parti civili. La testimonianza dei quattro sarà inclusa in tribunale”.

READ  Thomas Markle non parla dell'incontro con sua figlia: 'Oprah usa Harry e Meghan' | Proprietà

“Alla fine, De Pauw dovrà rispondere di due accuse (molestie e molestie elettroniche). C’è stata una terza accusa: sessismo. Ma alla fine non è finita qui. A un certo punto è iniziata una mediazione che si potrebbe discutere. Nel fine, non ne è venuto fuori nulla. Quindi”.

Qual è il significato della famigerata busta marrone?

La copertina chiusa contiene dati grezzi di Maaike Cafmeyer e Liesa Naert. È stata aggiunta una terza storia. L’unica persona che sa cosa sta dicendo è il gip, che decide di tenerlo chiuso a causa del segreto professionale. La difesa ha cercato di capire cosa c’era dentro, ma ogni volta è stata schietta. Forse stiamo ancora scoprendo i contenuti”.

Cosa succede il primo giorno del processo?

“Le parti hanno avuto l’opportunità di sviluppare le loro argomentazioni”, continua Farouk. Sanno esattamente cosa dirà l’altra parte e hanno anche l’opportunità di rispondere. Sarà presente lo stesso Di Bao. Dipenderà dal presidente se sarà interrogato immediatamente. I partiti civici sono i primi a parlare. Non verranno, ma sembra ancora caffè macinato. È ancora possibile».

Lo stesso mercoledì – momento molto importante – conosciamo anche l’andamento della Procura. Che punizione chiede? Giovedì andrà alla difesa di Di Bao. Verrà poi esaminato. In linea di principio, è un mese di attesa, ma questo potrebbe richiedere un po’ più di tempo. Alle vittime si sono aggiunte altre tre donne. Non sappiamo chi sia. Potremmo scoprire quando si parla di partiti civici. Avvisare gli avvocati delle altre parti civili. Ma poiché l’inchiesta è già stata chiusa, non possono più partecipare al processo».

READ  I DJ Qmusic Martin e Dorothy regalano auto in onore del loro millesimo programma radiofonico, il primo vincitore urla di gioia | spettacolo

C’è appello dopo la sentenza?

Resta da vedere quale sarà il risultato. Se la sentenza non è favorevole a nessuna delle parti, c’è sempre la possibilità di appello. Il caso viene quindi portato alla Corte d’appello di Anversa. “Ci sono ottime possibilità che sia un problema molto delicato”, afferma Farrok.

Farrouk spiega che è in corso un’altra causa. La moglie di De Pauw sostiene che De Pauw – di cui è co-gestore – ha sofferto troppo. Il punto è che il CEO di VRT rescinde unilateralmente l’accordo con KoekenTroef! Annullato. Si trattava di un sacco di soldi. A un certo punto , Nessuna produzione è stata autorizzata a essere trasmessa. Anche le cose già acquistate non sono state trasmesse. Chiedono un risarcimento di almeno 12 milioni di euro. Ritenevano che non ci fossero motivi sufficienti per interrompere improvvisamente la cooperazione. La sentenza in un caso riguarderà questo caso. “

Ricostruzione. I 28 giorni che portarono alla caduta di Bart de Pauw (+)

Il testo avanti e indietro di Bart De Pauw parla con le attrici Ella-John Henard e Liz Ferrin: “Non ero così cattivo ieri?” (+)

Bart De Pauw ha rotto anni di silenzio sui social: “Grazie a tutti coloro che mi hanno concesso il beneficio del dubbio”

© BELGA