QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il produttore di chip Intel vede vendite lente | Economia

I semiconduttori informatici, ancora la più importante fonte di reddito di Intel, hanno generato vendite del 6% in più rispetto all’anno precedente. Ma nella divisione dei semiconduttori, le entrate sono diminuite del 9%. Intel sta lottando con una maggiore concorrenza qui, tra le altre cose. Non solo i colleghi del settore hanno immesso sul mercato chip concorrenti per i server cloud, ma anche la società tecnologica Amazon ha lavorato per qualche tempo sui propri chip per i data center. Il gruppo di negozi online è anche un importante cliente di Intel.

Secondo il CEO Pat Gelsinger, la flessione nella divisione dei data center è di natura temporanea. Ha detto in un’intervista con Bloomberg News Agency che si aspetta che questo settore cresca di nuovo nella seconda metà di quest’anno.
Il fatturato complessivo nei tre mesi al 26 giugno è stato di 19,6 miliardi di dollari (circa 16,6 miliardi di euro), leggermente inferiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La società ha realizzato un utile di 5,1 miliardi di dollari (circa 4,3 miliardi di euro), che equivale all’incirca al risultato netto del secondo trimestre del 2020.

La carenza di chip, che sono stati i primi a colpire le case automobilistiche, è il risultato di un intenso lavoro da casa a causa delle misure Corona che sono state introdotte in tutto il mondo. Molte persone hanno dovuto acquistare nuovi computer e altri dispositivi e il traffico Internet è diventato più intenso, il che ha aumentato la domanda di semiconduttori.