QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il professore di virologia ha affermato che il settore del pollame deve cambiare radicalmente per fermare l’influenza aviaria nei Paesi Bassi

Non meno pollame, ma meno allevamenti di pollame insieme e non vicino alle riserve naturali. Il professore di virologia Wim van der Poel lo difende ora che l’influenza aviaria affligge l’allevamento di pollame olandese da un anno.

“I Paesi Bassi sono un paese densamente popolato con molti animali, il che insieme significa che esiste una minaccia costante che l’agente patogeno passi dagli animali all’uomo”. È quanto afferma Wim van der Poel, professore di virologia all’Università di Wageningen.

situazione insopportabile

Secondo lui, l’influenza aviaria è una situazione intollerabile: “Dobbiamo fare qualcosa al riguardo”. Van der Poel si occupa di ricerca sui virus zoonotici e emergenti da oltre 20 anni. Non solo nei Paesi Bassi, ma anche nel contesto europeo, si impegna a prevenire che le malattie degli animali si trasformino alla fine in una pandemia globale.

Sostiene il cosiddetto “One Health Approach”. Ciò significa che i professionisti del mondo della salute pubblica e della salute degli animali stanno affrontando insieme il problema.

Guarda anche

La società deve cambiare

“Vaccinare gli animali non risolverà il problema dell’influenza aviaria durante la notte. Aiuterà a proteggere gli uccelli domestici che vengono tenuti, ma non perderai la circolazione degli uccelli selvatici in questo modo. Se vogliamo fare qualcosa al riguardo, abbiamo stiamo cambiando la società”, afferma Van Boyle Abbey.

Secondo il professore, ciò significa che le aziende diventeranno meno vicine tra loro, in modo che il virus possa essere trasmesso meno facilmente da un’azienda all’altra. Ma anche quando si creano nuovi allevamenti di pollame e si creano riserve naturali, è necessaria un’attenta riflessione. “Questo rappresenterebbe un rischio per le zoonosi: sì o no? In passato è successo ben poco. Se non iniziamo con quello, presto dovremo affrontare qualcos’altro oltre all’influenza aviaria”.

READ  Cercasi collezionisti mobili per la settimana della raccolta MS | Notizie Zeewold

Più attenzione ai cambiamenti climatici

Di tutte le nuove malattie infettive che colpiscono l’uomo, il 70% è di origine animale. Secondo il virologo Van der Poel, il numero di malattie zoonotiche è aumentato negli ultimi anni, ad esempio COVID-19 è anche una zoonosi. Questo aumento, dice, ha a che fare con una popolazione globale in crescita: “Non puoi farci niente così facilmente”.

Ma dice che possiamo pensare meglio a una serie di cose, come la prevenzione: “Siate più consapevoli di problemi come il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità. Questi fattori svolgono anche un ruolo nello sviluppo delle zoonosi”.

Guarda anche

‘Stiamo andando all’estremo’

Nel caso dell’influenza aviaria, è il cambio di percorso che gli uccelli migratori prendono per mancanza di natura. “Stiamo assistendo a enormi cambiamenti nelle aree in cui si spostano gli uccelli migratori e dove nidificano”. Di conseguenza, gli uccelli selvatici entrano in contatto con uccelli migratori che non hanno mai incontrato prima. “Ciò significa che si verificano diversi tipi di focolai, come l’estate scorsa con la sterna a Texel e in Zelanda, dove le aree di riproduzione sono state completamente cancellate dalla mappa a causa dell’influenza aviaria”.

Usciamo da qui? “Come Paesi Bassi, dovremo chiederci: vogliamo davvero tutto questo in questo piccolo paese? Vogliamo assorbire più persone e mantenere la produzione di bestiame a un livello elevato. Ora puoi vedere che questo ha raggiunto i suoi limiti”.

Guarda il servizio televisivo qui